319 CONDIVISIONI
27 Giugno 2022
14:18

Pride di Istanbul, cariche della polizia sul corteo: arrestate 200 persone tra attivisti e giornalisti

Almeno 200 persone sono state arrestate in Turchia per aver partecipato al Pride di Istanbul che le autorità governative vietano ormai da otto anni. Tra loro giornalisti e attivisti.
A cura di Chiara Ammendola
319 CONDIVISIONI
Manifestanti e polizia a Istanbul
Manifestanti e polizia a Istanbul

Sono almeno 200 le persone arrestate durante la Lgbtq+ Pride March di Istanbul tenutasi ieri domenica 26 giugno. La polizia ha fatto irruzione nel distretto centrale di Cihangir, dove i partecipanti al corteo si era radunati, e ha iniziato a disperdere la folla con la forza. Manifestanti, organizzatori, giornalisti e attivisti sono finiti in manette per aver partecipato al Pride che era stato vietato dalle autorità, come accade ormai da otto anni, per motivi di sicurezza.

Tra le persone arrestate anche il fotogiornalista dell’agenzia di stampa francese AFP, Bülent Kilic, ma stando a quanto denunciato dalle associazioni a tutela dei diritti Lgbtq+ sarebbero molti altri i giornalisti fermati dagli agenti. Dunja Mijatovic, commissaria per i diritti umani del Consiglio d’Europa, ha chiesto alle autorità turche di rilasciare i manifestanti e di garantire l’incolumità dei partecipanti al Pride. Sulla vicenda si sono espresse anche  le due ong Amnesty International e Reporter Senza Frontiere.

La Pride March è ormai vietata a Istanbul da otto anni. L’ultimo Pride si è tenuto nel 2014, e ha visto la partecipazione di decine di migliaia di persone diventando uno dei più grandi eventi della comunità Lgbtq nella regione a maggioranza musulmana. Da quel momento, ogni anno a giugno migliaia di manifestanti e attivisti scendono comunque in piazza nonostante i divieti imposti dal governatore. I motivi riguarderebbero l'ordine pubblico ma si ritiene che invece siano un segno del fatto che il governo del presidente Recep Tayyip Erdoğan, di orientamento islamista e conservatore.

319 CONDIVISIONI
Bimba di 9 anni accoltellata a morte da sconosciuti in pieno giorno: orrore in strada
Bimba di 9 anni accoltellata a morte da sconosciuti in pieno giorno: orrore in strada
Arrestata di nuovo la giornalista russa Marina Ovsyannikova: rischia fino a 10 anni per
Arrestata di nuovo la giornalista russa Marina Ovsyannikova: rischia fino a 10 anni per "fake news"
A Napoli il primo festival di Mediterranea Saving Humans:
A Napoli il primo festival di Mediterranea Saving Humans: "Salvini e la sua propaganda non ci spaventano"
1.139.301 di AntonioMusella
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni