“Se non fosse stato per Noah, tutti noi della famiglia oggi non saremmo qui”, si riassume in questa frase dei parenti l’eroico gesto del piccolo Noah Woods, un bimbo statunitense di 5 anni che è riuscito a salvare l’intera famiglia di sette persone più il cane da un improvviso incendio divampato in casa. Un gesto talmente fuori dal comune che il dipartimento dei vigili del fuoco della contea di Bartow , nello stato della Georgia, ha deciso di premiarlo pubblicamente conferendoli il titolo di pompiere onorario in una cerimonia ufficiale nella centrale dei pompieri. L’episodio la settimana scorsa quando le fiamme hanno sorpreso la famiglia nel sonno.

Il primo ad accorgersi dell’incendio è stato proprio il bimbo che si è svegliato in una casa in preda a fiamme e fumo. Senza farsi prendere dal panico, ha preso la sorellina di 2 anni con cui condivide la stanza, poi ha afferrato il cane di famiglia ed è uscito dall’unica via di fuga disponibile, una finestra, portandoli in salvo. Noah però non si è fermato qui: è tornato indietro e ha svegliato anche suo zio che abita lì vicino e insieme hanno avvisato il resto della famiglia salvando loro la vita. Uno spirito di iniziativa che gli è valso l’appellativo di eroe e un encomio speciale.

Grazie al suo gesto infatti la famiglia è uscita praticante illesa dall’incendio e all’arrivo dei soccorsi solo il piccolo e altri 4 membri della famiglia sono stati trattati per scottature minori e inalazione di fumo ma nessuno di loro ha avuto bisogno di ricovero ospedaliero. "Abbiamo già visto bambini allertare le loro famiglie per caso di pericolo in casa ma per un bambino di 5 anni è davvero straordinario" ha commentato il capo dei vigili del fuoco della contea di Bartow, Dwayne Jamison, spiegando che l'incendio è stato provocato da una presa elettrica sovraccarica proprio nella camera da letto di Noah.