18 Marzo 2011
16:05

Libia: Gheddafi dichiara il cessate il fuoco dopo risoluzione ONU

“La Libia è obbligata ad accogliere la risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite,” dice il ministro degli esteri libico. Ma a Misurata continuano gli scon.
A cura di Biagio Chiariello
ibyan Foreign Minister Moussa Koussa, left, announced an immediate ceasefire on Friday.

Mussa Kussa, ministro degli esteri della Libia , ha annunciato un cessate il fuoco per proteggere i civili e rispettare la risoluzione approvata dal Consiglio di Sicurezza dell'ONU. "La Libia è obbligata ad accogliere la risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e ha deciso un cessate il fuoco immediato e il blocco di tutte le operazioni militari", ha detto oggi Kusa (nella foto a sinistra) in una conferenza stampa a Tripoli. Ma non è chiaro se tale decisione sia effettivamente "immediata", comunque. Nella città di Misurata infatti, continuano gli scontri armati, come riferiscono i residenti. Il ministro ha rifiutato di rispondere alle domande dei giornalisti su ciò che stava accadendo nella città a est di Tripoli dopo aver letto il breve comunicato.

Il cessate il fuoco è stato accolto con giubilo a Bengasi, nella cui piazza i pellegrini sono convenuti dopo aver appreso la notizia. A quanto pare la dichiarazione di cessate il fuoco non fermerà i piani di Francia e Regno Unito per far rispettare la risoluzione, in particolare l'attuazione di una  no-fly zone  sui cieli della Libia.

David Cameron, primo ministro del Regno Unito, ha detto a BBC TV che il colonnello Gheddafi sarà giudicato "per le sue azioni, non le sue parole". "La cosa assolutamente chiara della risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell'Onu è che Gheddafi deve smettere di agire come sta facendo, brutalizzando il suo popolo. In caso contrario, prenderemo tutte le misure necessarie per farlo smettere ", ha detto Cameron. "Questo è ciò che abbiamo concordato ieri sera". Sarkozy domani ospiterà un incontri a Parigi per discutere di un'azione coordinata contro la Libia e con i rappresentanti "al più alto livello possibile" dell'Unione Europea, della Lega Araba e dell'Unione africana.

Ma Muammar Gheddafi non ci sta e lancia un ammonimento contro ogni offensiva alla Libia, giurando di "trasformare in un inferno la vita" di coloro che oseranno attaccarlo. "Se il mondo è pazzo, diventeremo pazzi anche noi. Replicheremo ", ha affermato il rais libico nel corso di un'intervista per la televisione portoghese.

"Nelle prossime ore dovremo prendere decisioni difficili, impegnative, rispetto a ciò che sta accadendo in Libia", fa sapere il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano al Teatro Regio di Torino per le celebrazioni dei 150° anni dell'Unità d'Italia. "Viviamo in un mondo ricco di promesse per il futuro e gravido di incognite," prosegue. "Se pensiamo a ciò che è stato il nostro Risorgimento, innanzitutto come movimento liberatore, non possiamo rimanere indifferenti rispetto alla sistematica repressione di fondamentali libertà e diritti". Intanto i nostri ministri degli Esteri e dell’Interno, Frattini e la Russa, sono riuniti a Palazzo Madama con le Commissioni Esteri e Difesa di Senato e Camera “per una informativa urgente dei Ministri degli Affari Esteri e della Difesa in merito agli ultimi sviluppi della crisi libica alla luce della risoluzione approvata ieri dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni unite".

Migranti, l'Italia rinnova il Memorandum con la Libia (che per l'ONU non è un porto sicuro)
Migranti, l'Italia rinnova il Memorandum con la Libia (che per l'ONU non è un porto sicuro)
Conte chiede il cessate il fuoco e dice che i termini della pace non può deciderli solo l'Ucraina
Conte chiede il cessate il fuoco e dice che i termini della pace non può deciderli solo l'Ucraina
L'Onu approva risoluzione contro la Russia:
L'Onu approva risoluzione contro la Russia: "Paghi per i danni in Ucraina". Ma la Cina vota no
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni