4.824 CONDIVISIONI
L'implosione del sottomarino Titan a giugno 2023

La mamma del 19enne morto sul Titan: “Suleman voleva risolvere il cubo di Rubik vicino al Titanic”

La madre di Suleman Dawood, morto nel sommergibile Titan a 19 anni, insieme al papà Shahzada e ad altri 3 passeggeri: “Voleva risolvere il cubo di Rubik a 3.700 metri sotto il mare, vicino al Titanic. Aveva fatto domanda al Guinness World Records”.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Ida Artiaco
4.824 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
L'implosione del sottomarino Titan a giugno 2023

Voleva risolvere il cubo di Rubik a 3.700 metri di profondità nel cuore dell'Oceano Atlantico, battendo ogni record mondiale. Per questo, Suleman Dawood, morto nel sommergibile Titan a 19 anni, insieme al papà Shahzada e ad altri tre passeggeri (il Ceo di OceanGate Stockton Rush, Hamish Harding e Paul-Henri Nargeolet), aveva portato nel sottomarino il famoso cubo di Rubik.

A raccontarlo alla BBC è stata la mamma del ragazzo, Christine Dawood, che ha raccontato come il figlio avesse fatto domanda al Guinness World Records e il padre, anche lui morto nel sommergibile distrutto da una "catastrofica implosione", avesse portato una macchina fotografica nell'area dell'affondamento del Titanic, per immortalare quel momento.

Immagine

La mamma e la sorella 17enne di Suleman, Alina, erano a bordo della Polar Prince, la nave di supporto del sommergibile. "Quando è arrivata la notizia che le comunicazioni con il Titan erano state interrotte non ho capito cosa significasse. Poi le cose sono peggiorate rapidamente", ha detto Christine, che ha ricordato la grande passione del figlio per il cubo di Rubik: "Lo portava con sé ovunque, riuscendo a risolverlo anche in 12 secondi. Mi ha detto che lo avrebbe risolto a 3.700 metri sotto il mare, vicino al Titanic".

Screen da BBC.
Screen da BBC.

Suleman, studente dell'università di Strathclyde a Glasgow, non potrà però mai più rivedere la luce del sole. La mamma ha anche ricordato che avrebbe dovuto accompagnare lei il marito in spedizione nell'area di affondamento del Titanic ma il viaggio era stato annullato a causa della pandemia di Covid-19. "Così ho fatto un passo indietro e ho dato spazio a Suleman, perché lui voleva davvero essere lì", ha detto.

Nell’intervista rilasciata all'emittente inglese ha anche aggiunto di aver perso le speranze "quando abbiamo superato le 96 ore. Invece mia figlia ha sperato ancora fino alla chiamata della Guardia Costiera. Quando in pratica ci hanno informato di aver trovato detriti". La signora Dawood ha detto che lei e sua figlia cercheranno di imparare a finire il cubo di Rubik in onore di Suleman, e continueranno il lavoro del marito: "Era coinvolto in così tante cose, ha aiutato così tante persone e penso di voler davvero continuare quell'eredità. È molto importante anche per mia figlia", ha concluso.

4.824 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views