666 CONDIVISIONI
27 Febbraio 2018
18:11

Installa gps sul telefono della figlia adolescente, scopre che era vittima di prostituzione

La donna aveva capito che qualcosa non andava e si è improvvisata investigatrice, scoprendo un enorme giro di sfruttamento della prostituzione minorile che riguardava ragazzine anche di appena 12, 13 e 14 anni.
A cura di A. P.
666 CONDIVISIONI

"Io dico sempre ‘fidati ma verifica' perché è bene non stargli tropo addosso ma è sempre meglio tenerli d'occhio", così una mamma statunitense ha raccontato cosa l'ha spinta a installare di nascosto sul cellulare della figlia un sofware gps che rilevava la sua posizione e che infine le ha permesso di scoprire che l'adolescente era vittima di trafficanti di esseri umani che l'avevano costretta a prostituirsi. "Continuavo a rintracciare il suo telefono e non corrispondeva a dove lei mi aveva detto di essere. Le mandavo un messaggio e lei continuava a dire che non poteva parlare. Era un brutto segnale", ha ricordato la donna parlando coni giornali locali dopo che la banda di malviventi è stata arresta e condannata.

A farli arrestare è stata proprio la sua segnalazione alla polizia che ha preparato per loro un trappola.Dopo i primi segnali preoccupanti, la donna infatti si è improvvisata ancora di più detective andando a fondo."Ho osservato la mappa attorno alla sua posizione e ho scoperto un hotel. Mi sono chiesta perché mia figlia dovrebbe essere in un albergo?", ha ricordato la mamma, aggiungendo: "A quel punto ho consultato il registro delle chiamate e ho evidenziato tutti i numeri che non riconoscevo. C'era un numero che continuava a spuntare, 1 minuto qui, 2 minuti la, ma era sempre lo stesso numero più e più volte". Infine è bastato scrivere il numero su un motore di ricerca per capire in che brutto giro era finta la figlia: corrispondeva ad annunci di escort a Fort Worth, in Texas.

"Ho visto la foto di mia figlia in perizoma sdraiata su un letto d'albergo. Non posso descrivere le emozioni che ho avuto. Piangevo, ero terrorizzata , non sapevo cosa fare. Volevo solo andare da lei ma non potevo" ha ricordato la donna. La polizia infatti le ha consigliato di non fare nulla, si sono mossi loro e con una trappola hanno  smascherato gli sfruttatori che gestivano un grosso giro di prostituzione minorile in città. Tra le vittime gli agenti hanno ritrovato ragazzine di appena 12, 13 e 14 anni.

666 CONDIVISIONI
Cosenza, abusava di due minori con la complicità dei genitori: le piccole "vendute" per pochi euro
Cosenza, abusava di due minori con la complicità dei genitori: le piccole "vendute" per pochi euro
Naufragio Costa Concordia, Rossella Schettino: "Da De Falco mi aspettavo silenzio dopo 10 anni"
Naufragio Costa Concordia, Rossella Schettino: "Da De Falco mi aspettavo silenzio dopo 10 anni"
Rapinano una persona con disabilità in metropolitana: in carcere due uomini
Rapinano una persona con disabilità in metropolitana: in carcere due uomini
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni