Tragedia ad alta quota nei cieli indiani. Un aereo dell’Air India (volo 344) diretto da Dubai a diretto a Kozhikode, nota anche come Calicut, nel Kerala, con 191 persone, tra passeggeri e membri dell'equipaggio, ha mancato l’atterraggio sulla pista di Kozhikode ed è finito in una vallata, spezzandosi a metà. Vigili del fuoco e ambulanze si stanno dirigendo sul posto. Ancora ignoto il bilancio dell'incidente, avvenuto intorno alle 19:40 ora locale, ma si temono vittime. Secondo le prime informazioni, rese note dalla stampa locale e dalla CNN ma ancora non confermate dalle autorità, ci sarebbero almeno 20 morti, tra cui il pilota, Deepak Vasant Sathe, e oltre 140 di feriti, tra cui il co-pilota che verserebbe in condizioni critiche. Tutti gli altri sono stati evacuati. A quanto pare le operazioni di atterraggio sarebbero state rese difficili a causa delle forte pioggia che sta colpendo la zona.

Questo è solo l'ultimo di una serie di incidenti aerei che si sono verificati in India negli ultimi anni. Il primo è della sera di capodanno del 1978 quando quando un volo passeggeri dell'Air India si è schiantato al largo della costa di Bandra, Bombay (ora Mumbai). Tutti i 213 passeggeri e l'equipaggio a bordo sono stati uccisi.

Notizia in aggiornamento.