Guerra in Ucraina
3 Dicembre 2022
23:15

In Ucraina un gruppo criminale ha cercato di rubare il murale realizzato da Banksy a Hostomel

A Hostomel alcuni criminali hanno cercato di rubare un murale realizzato dall’artista Banksy. Il dipinto è stato fortunatamente recuperato intatto.
A cura di Gabriella Mazzeo
Il graffito di Banksy a Hostomel, screen dal video pubblicato dall’artista a sostegno dell’Ucraina
Il graffito di Banksy a Hostomel, screen dal video pubblicato dall’artista a sostegno dell’Ucraina
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Guerra in Ucraina

Un murale del famoso artista Banksy è stato rimosso dal muro di un edificio distrutto dalla guerra a Hostomel, in Ucraina. Le autorità ucraine hanno fermato alcuni criminali che hanno rimosso l'opera d'arte ritraente una donna con la maschera antigas. Il dipinto è stato incredibilmente recuperato intatto.

Il murale è stato realizzato il mese scorso dall'artista britannico in Ucraina. Il governatore della regione di Kiev ha fatto sapere tramite Telegram che il graffito è al momento custodito dalle forze dell'ordine. "Queste immagini sono il simbolo della lotta del nostro popolo – ha affermato – e sono il segno del sostegno e della solidarietà del mondo al nostro Paese".

Le immagini del muro danneggiato a Hostomel sono state pubblicate dalla polizia ucraina. Non si tratta dell'unico murale realizzato da Banksy nel Paese invaso: l'artista ha omaggiato di altri graffiti le città di Horenka e Borodyanka. Le opere d'arte, ha spiegato, vogliono simboleggiare la resistenza del popolo ucraino alla violenza dell'invasione russa.

il graffito di Borodyanka
il graffito di Borodyanka

Nel murale di Borodyanka, Banksy ha raffigurato una ginnasta intenta a fare una verticale tra le macerie. Un altro graffito rappresenta invece Vladimir Putin gettato a terra da un bambino in una partita di judo. Banksy è uno degli artisti più famosi al mondo: a dargli la fama, i disegni realizzati a Bristol nei primi Anni '90. Nonostante il seguito mondiale e l'inestimabile valore delle sue opere, ha sempre mantenuto la sua identità segreta.

Non è la prima volta che una sua opera viene presa di mira. Nel 2019 una banda ha rimosso un suo murale dalla porta di emergenza del Bataclan Music Hall di Parigi. Il dipinto è stato estratto con smerigliatrici angolari e portato via dal Paese. Successivamente, è stato rintracciato in Italia. Altri graffiti sono invece stati coperti da plastica protettiva nel Regno Unito per proteggerli dai danni e dai tentativi di furto.

3313 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni