226 CONDIVISIONI
Proteste in Iran dopo la morte di Mahsa Amini
11 Novembre 2022
13:18

In Iran il governo cerca di fermare l’onda del cambiamento con proiettili e condanne a morte

L’intervista di Fanpage.it a Jasmin Ramsey, vicedirettrice del Centro per i diritti umani in Iran sulle proteste dopo la morte di Mahsa Amini: “Il governo ha cercato di bloccare questa ondata di cambiamento con proiettili e carceri, ma la vita qui non è più la stessa”.
A cura di Ida Artiaco
226 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Proteste in Iran dopo la morte di Mahsa Amini

Continuano le proteste in Iran dopo la morte di Mahsa Amini, così come aumentano ancora i morti e le persone arrestate: in due mesi il bilancio dei primi è arrivato a quota 328 e quello dei secondi a oltre 15mila, ma si tratta di cifre che potrebbero essere molto più alte. Tuttavia, in seguito alla mobilitazione cominciata a settembre "la vita non sarà più la stessa nella Repubblica Islamica".

Ne è convinta Jasmin Ramsey, vicedirettrice del Centro per i diritti umani in Iran (Iran Human Rights), che a Fanpage.it ha fatto il punto della situazione sulle proteste nel Paese, spiegando come la società sta cambiando radicalmente nonostante la dura repressione messa in atto dalle autorità.

A circa due mesi dall'inizio della mobilitazione, come e quanto è cambiato l'Iran?

"Questo movimento a cui stiamo assistendo da metà settembre è la più grande sfida per la Repubblica islamica dall'ultimo grande ciclo di proteste nel 2009 e nel 2019. Nonostante la violenta repressione statale, con centinaia di morti e decine di migliaia di persone arbitrariamente arrestate, lo Stato non è stato in grado di spegnere del tutto la fiamma di queste manifestazioni.

Stiamo già vedendo alcune donne che camminano per le strade o mangiano al ristorante senza l'hijab obbligatorio, svolgendo solo la loro vita quotidiana. E gli studenti universitari maschi e femmine mangiare l'uno accanto all'altro a dispetto della segregazione di genere imposta nelle università iraniane dopo la rivoluzione del 1979. Il governo ha cercato di bloccare questa ondata di cambiamento con proiettili e carceri ma non può fermare tutto e tutti. La vita non sarà più la stessa nella Repubblica islamica".

Quali sono i numeri finora di queste proteste?

"Almeno 328 persone sono state uccise, secondo un conteggio della Human Rights Activists News Agency (HRANA) con sede negli Stati Uniti, ma quel numero è probabilmente più alto. Il governo non ha rilasciato conteggi ufficiali aggiornati e impedisce ai media indipendenti di riferire all'interno del paese. HRANA ha anche affermato che in 15.000 sono stati arrestati".

I deputati chiedono la pena di morte per i manifestanti. Avete già notizia di esecuzioni compiute?

"Non c'è ancora un conteggio ufficiale delle condanne a morte perché è molto presto. Piuttosto che concentrarsi sul numero, è però importante notare che queste condanne a morte vengono emesse per motivi politici per mettere a tacere il dissenso e reprimere il movimento di protesta del Paese, che sta cercando un cambiamento sociale e politico".

Cosa chiedete alla comunità internazionale?

"La comunità internazionale dovrebbe andare oltre le dichiarazioni di condanna e passare all'azione collettiva attraverso un fronte internazionale. I leader mondiali dovrebbero tenere una sessione speciale urgente presso il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite per stabilire un meccanismo investigativo e di responsabilità indipendente per le atrocità dei diritti umani commesse nella Repubblica islamica. I leader mondiali che hanno canali di comunicazione con i leader iraniani dovrebbero anche esortare le autorità a rilasciare i prigionieri politici e consentire la protesta senza la minaccia di violenze statali, arresti arbitrari o morte".

226 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni