4.077 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
1 Marzo 2022
20:23

I russi bombardano un magazzino di farmaci in Ucraina: qui era conservata tutta la scorta di insulina

I russi hanno anche bombardato un magazzino dove era conservata tutta l’insulina dell’Ucraina: ora, a meno che non si ripristina al più presto l’accesso al magazzino, alle farmacie restano solo scorte per un paio di giorni.
A cura di Giorgia Venturini
4.077 CONDIVISIONI
Bombardamenti a Kiev
Bombardamenti a Kiev
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

"Gli attacchi russi hanno interrotto l’accesso al magazzino principale dei farmaci Novo Nordisk in Ucraina", lo annuncia via Twitter Eric Feigl-Ding, epidemiologo ed economista sanitario americano. All'interno di questo magazzino era conservata la scorta dell'intero Paese di insulina: ora, a meno che non si ripristina al più presto l'accesso al magazzino, alle farmacie restano scorte solo per un paio di giorni. "Anche questo è un crimine contro l’umanità". Così l'epidemiologo lancia un'appello: "Dobbiamo chiedere alla Russia di rilasciare medicinali per motivi umanitari. Se Putin blocca il farmaco fondamentale per i diabetici, o per qualsiasi altra malattia, quest’inferno peggiorerà". Eppure i bombardamenti non si fermano: gli Ucraini in queste ore stanno facendo i conti con il sesto giorno di guerra.

Il rischio di emergenza medicinali

Ora però le cose rischiano di peggiorare se si innesca anche un'emergenza medicinali. A breve dunque bisognerà organizzarsi per trasportare cibo e medicine essenziali in Ucraina: "Se la Russia non rimuove il blocco dobbiamo essere creativi. Paesi e Ong potrebbero dover iniziare a utilizzare camion o aerei civili per trasportare cibo e medicine essenziali in Ucraina", continua l'esperto. Che poi ricorda un episodio simile quando i sovietici bloccarono Berlino per quasi un anno: allora si attivò un ponte aereo. Poi Eric Feigl-Ding conclude: "Da lunga data critico i prezzi follemente elevati dell’insulina e le speculazioni sui prezzi dei farmaci. Ma la disponibilità umanitaria di farmaci fondamentali durante una guerra è cosa diversa. La Russia non deve bloccare le medicine". L'epidemiologo a gran voce chiede quindi di salvare le medicine e di far arrivare il prima possibile insulina in Ucraina.

 

Continuano i bombardamenti

Purtroppo in queste ore continuano i bombardamenti: un'enorme esplosione è stata registrata a Kharkiv, seconda città dell'Ucraina. Ancora non si hanno notizie certe sulle conseguenze, ma potrebbe essere stato colpito un arsenale di munizioni ucraine. E ancora: le forze armate russe sono entrate anche nella città ucraina meridionale di Kherson anche se l'Ucraina controlla ancora l'edificio dell'amministrazione comunale.

4.077 CONDIVISIONI
2824 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni