All'apparenza sembravano una coppia felice di insospettabili con solo un vizio: quello delle crociere di lusso in mare tanto da arrivarne a fare ben sei in un solo anno. Proprio la loro passione però ha fatto sorgere i primi dubbi sul loro tenore di vita e infine li ha traditi  facendo emergere dietro il loro comportamento una realtà ben diversa. I due coniugi infatti erano corrieri della droga e profittavano delle trasferte via mare per consegnare grossi quantitativi di stupefacenti. È la storia di una coppia di ultrasettantenni britannici, Sue e Roger Clarke, la cui ultima  vacanza da sogno è terminata prima del previsto perché è stata trovata in possesso di nove chili di cocaina.

Come ricostruito dagli inquirenti inglesi, i due erano soliti nascondere la droga nei bagagli e fare la spola tra l'Inghilterra, la Spagna e i Caraibi per prelevare e consegnare i loro carichi, spesso con la complicità di persone presenti sul posto che gli evitavano i controlli. Le crociere, vacanze spesso preferite da anziani e pensionati, in pratica erano solo un trucco per passare inosservati nel trasporto di cocaina e marijuana da un continente all'altro. Nelle grosse valige  che si portavano dietro per restare via almeno un settimana,  infatti,  nascondevano vari sacchetti di droga che poi consegnavano una volta a destinazione