440 CONDIVISIONI
La morte di George Floyd in Usa
25 Maggio 2022
10:10

Due anni fa moriva George Floyd, l’impegno della famiglia: “Fermiamo la macchina suprematista bianca”

L’intervista di Fanpage.it a Jacari Harris, direttore esecutivo della George Floyd Memorial Foundation, la fondazione fondata dalla sorella del 46enne afroamericano ucciso a Minneapolis il 25 maggio 2020: “Il cambiamento che speriamo di vedere è di tipo sistemico. La nostra speranza è che gli Stati Uniti affrontino davvero la riforma della polizia e la questione dell’equità razziale”.
A cura di Ida Artiaco
440 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La morte di George Floyd in Usa

Esattamente due anni fa negli Stati Uniti d'America si verificava uno degli eventi più drammatici della loro storia più recente: la morte di George Floyd. Era il 25 maggio 2020 quando il 46enne afroamericano venne immobilizzato durante un fermo a Minneapolis, in Minnesota. "I can't breath" – "Non riesco a respirare" ripeteva a Derek Chauvin, l'agente bianco che gli premeva un ginocchio sul collo mentre altri due lo tenevano fermo, prima che arrivasse un'ambulanza che lo portò in ospedale dove il suo cuore smise di battere. Intorno a loro, alcune persone assistettero alla scena e la firmarono.

Proprio quel video, che mostra il comportamento violento della polizia, ha fatto immediatamente il giro del mondo rendendo ancora più noto il movimento Black Lives Matter e scatenando proteste contro il razzismo e la violenza delle forze dell'ordine.

Alcuni giorni dopo la morte di Floyd, Chauvin venne arrestato con l’accusa di omicidio. Qualche giorno più tardi vennero incriminati anche gli altri suoi tre colleghi, con l’accusa di aver facilitato l’omicidio. Il processo a suo carico cominciò il 29 marzo 2021, alcuni mesi dopo che era stato liberato a seguito del pagamento di una cauzione pari a 1 milione di dollari. Il 20 aprile, un giorno dopo la fine del dibattimento, venne dichiarato colpevole per tutti i capi di imputazione e circa due mesi dopo venne stabilita la pena: 22 anni e mezzo di carcere. Lo scorso 27 aprile, a quasi un anno di distanza da quel verdetto, ha presentato appello.

Ma quale è la situazione al momento negli Stati Uniti? Fanpage.it ne ha parlato con Jacari Harris, direttore esecutivo della George Floyd Memorial Foundation, la fondazione fondata dalla sorella del 46enne, Bridgett.

Jacari Harris.
Jacari Harris.

Cosa è cambiato negli Stati Uniti dopo la morte di George Floyd?

"Siamo stati in grado di vedere alcuni cambiamenti a livello locale, statale e federale. Ma il cambiamento che speriamo di vedere è di tipo sistemico. Sappiamo che molti dei problemi sono interconnessi e connessi. Abbiamo un'immensa quantità di potere quando siamo uniti e ci muoviamo insieme. Questo è il motivo per cui ci stiamo concentrando anche su questioni come la salute mentale tra i neri, questioni che sono anche in linea con la vita di George Floyd, perché sono legate a problemi di disuguaglianza o incontri con il sistema giudiziario. Stiamo lavorando per creare questi programmi nella prossima fase di crescita della Fondazione e stiamo attivamente cercando partner che ci aiutino a costruire questo lavoro".

Che ruolo svolge la Fondazione in memoria di George e come sta la sua famiglia?

"Onoriamo l'eredità di George Floyd unendo e attivando le nostre comunità per sfidare le cause profonde dell'iniquità razziale e porre fine alla violenza sistemica che colpisce i neri americani.
E lo diciamo a tutti: questo è solo l'inizio per noi. Siamo nati da una tragedia, ma anche da un movimento, e per noi è importante continuare questo lavoro. E anche se siamo un'organizzazione abbastanza giovane, siamo molto orgogliosi di ciò che abbiamo realizzato finora.

La famiglia di George Floyd racconta una storia attraverso questa fondazione. È una storia in cui continuiamo a riconoscere e affrontare, a testa alta, il razzismo sistemico e le disparità razziali che esistono nella polizia e nel nostro sistema di giustizia penale in generale. È la storia di come lavoreremo per continuare a emulare tutte le cose positive che George Floyd ha fatto durante la sua vita perché crediamo che il suo spirito premuroso non morirà mai. E soprattutto, è una storia su come la Fondazione sta mobilitando le comunità, affrontando le cause profonde delle disuguaglianze e lavorando per creare un futuro equo per tutti".

Pensa che con la condanna di Derek Chauvin sia stata fatta giustizia?

"Ci sarebbe giustizia se George Floyd fosse ancora vivo oggi. Ma dal momento che non lo è, lavoriamo ogni giorno per garantire che un caso come quello di George non si ripeta mai più. Incoraggiamo tutti a unirsi a noi. Continuate a usare le vostre voci, continuate a parlane. Quello che abbiamo visto negli ultimi due anni è il potere dell'azione collettiva".

I politici hanno promesso di affrontare le più profonde disparità razziali del Minnesotan. Ma attivisti e residenti affermano di non aver consegnato, come si legge sul Washington Post qualche giorno fa. Quale è la reale situazione?

"La nostra speranza è che gli Stati Uniti affrontino davvero la riforma della polizia e la questione dell'equità razziale, ciò che molti considerano un problema sistemico che richiede un cambiamento sociale. Il cambiamento sistemico significa che un caso come quello di Floyd non si verificherebbe mai più. Significa che abbiamo implementato le soluzioni che ci portano a una società giusta in cui la violenza sanzionata dallo stato non si verifica.

In questo momento, questo tipo di cambiamento è una visione. Ma possiamo trasformarlo in realtà. Ecco perché ci concentriamo fortemente sulla creazione di un sistema legale equo, e questo significa combattere per il cambiamento lungo la strada, cambiare le politiche e le leggi in materia di polizia per fermare i casi prima che si verifichino, non fornire interventi in seguito.

Il cambiamento sociale richiede un cambiamento nel modo di pensare delle persone e delle menti razziste ma richiede anche unificare la comunità in modo che la violenza che i neri e le altre minoranze devono affrontare non sia più mai accettabile".

Solo la settimana scorsa un suprematista bianco ha fatto una strage in un supermercato di Buffalo. Quanto ancora si deve lottare per superare i problemi di razzismo nel vostro Paese?

"L'atto di terrorismo del suprematista bianco a Buffalo, nello stato di New York, che ha tolto la vita ad alcune persone di colore dovrebbe essere un appello al controllo delle armi e alla fine della supremazia bianca. Questo era un atto di terrorismo, che trova la sua casa in una macchina suprematista bianca su più fronti, pesantemente dotata di risorse. Alla George Floyd Memorial Foundation stiamo lavorando con partner a Buffalo per fornire risorse alle famiglie delle vittime e alla comunità in generale".

Anche in Italia abbiamo problemi di razzismo, legato soprattutto allo sport, mentre negli Stati Uniti alcuni campioni dello sport hanno sensibilizzato su questi temi. Quanto è stato importante il loro aiuto?

"Molti nel mondo sportivo americano hanno parlato dei pericoli della violenza della polizia negli ultimi anni. La nostra Fondazione ha ricevuto supporto su tutta la linea, ma in particolare da Karl Anthony-Towns della squadra della Minnesota Timberwolves National Basketball Association e da Bubba Wallace, un pilota popolare con la National Association for Stock Car Auto Racing".

440 CONDIVISIONI
174 contenuti su questa storia
Morte George Floyd, condannato a 22 anni e mezzo di carcere l'ex poliziotto Derek Chauvin
Morte George Floyd, condannato a 22 anni e mezzo di carcere l'ex poliziotto Derek Chauvin
George Floyd, chiesti 30 anni per Derek Chauvin. L'avvocato:
George Floyd, chiesti 30 anni per Derek Chauvin. L'avvocato: "Processo compromesso dai media"
Caso Floyd, incriminati Chauvin e altri tre poliziotti per violazione dei diritti costituzionali
Caso Floyd, incriminati Chauvin e altri tre poliziotti per violazione dei diritti costituzionali
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni