Le condizioni di salute di una donna cinese infetta dal nuovo coronavirus di Wuhan sarebbero migliorate dopo che la paziente ha ricevuto un trattamento a base di un cocktail di antivirali usati per curare l'influenza e l'Hiv. A renderlo noto è il ministero della Salute della Thailandia. La donna infetta dal nuovo coronavirus cinese è una settantunenne che, a quanto reso noto dal dottor Kriengsak Attipornwanich durante il briefing quotidiano del ministero thailandese, è risultata negativa al virus 48 ore dopo che i medici le avevano somministrato la combinazione. "Il risultato di laboratorio del positivo sul coronavirus è diventato negativo in 48 ore", ha confermato il medico, che ha aggiunto che il miglioramento è stato evidente già 12 ore dopo il trattamento. I medici thailandesi, a quanto si apprende, hanno combinato il farmaco antinfluenzale oseltamivir con lopinavir e ritonavir, gli antivirali usati per curare l'Hiv. Il ministero – ha aggiunto – è in attesa di risultati di ricerca per dimostrare gli esiti.

In Thailandia 19 casi confermati di coronavirus – L’ultimo bilancio delle vittime del coronavirus in Cina ha superato quota 300 persone, secondo quanto reso noto dal governo cinese che ha fatto riferimento a 45 nuovi decessi. La Thailandia ha finora rilevato 19 casi confermati. Finora, otto pazienti nel Paese asiatico si sono ripresi e sono tornati a casa, mentre 11 si trovano ancora in ospedale. Per quanto riguarda l'Italia, dove restano due i casi confermati di pazienti contagiati dal coronavirus, una buona notizia è arrivata dall'ospedale Spallanzani di Roma, dove il virus cinese è stato isolato. In merito alla coppia positiva al coronavirus, attualmente ricoverata, le loro condizioni sono in continuo monitoraggio: i due, fanno sapere dall'ospedale, pur mantenendo condizioni discrete presentano entrambi polmonite virale con interessamento alveolo interstiziale bilaterale.