Due persone che si trovavano a bordo della nave Diamond Princess hanno perso la vita. A darne notizia è la tv pubblica nipponica NHK, secondo cui le due vittime sono una coppia di circa ottanta anni. Erano tra le persone contagiate dal coronavirs Covid-19 a bordo della nave da crociera attraccata a Yokohama. I due anziani coniugi sono le prime vittime confermate dalle autorità che erano a bordo della nave. Salgono dunque a tre i casi accertati di morte in Giappone dovuti al coronavirus. Prima dei due coniugi a bordo della nave, giovedì scorso, era stata diffusa la notizia di una prima vittima dovuta al virus di Wuhan. La nave da crociera Diamond Princess, ancorata dal 5 febbraio nella baia di Yokohama, inizialmente trasportava 3.700 passeggeri provenienti da 50 nazioni, inclusi 35 italiani. Le persone contagiate a bordo hanno superato quota 600. Tra questi c'è anche un italiano e 29 dei contagiati al momento risultano in condizioni gravi. Oggi è previsto il rientro dei nostri connazionali.

In Cina sale a 2118 il bilancio delle vittime, 74.576 i casi di contagio – Intanto sono salite a 2118 le vittime del coronavirus in Cina, mentre il numero totale dei casi di infezione è salito a 74.576. La provincia di Hubei, focolaio dell'epidemia, ha riportato 349 nuovi casi di polmonite da coronavirus il 19 febbraio, con 108 nuovi decessi e 1209 casi di guarigione. Il numero totale di infezioni nella provincia è salito a 62.031, con 10.337 pazienti recuperati e 2.029 morti. Un esperto di malattie respiratorie ha ipotizzato che il coronavirus Covid-19 coesisterà con gli esseri umani a lungo termine, come l’influenza. A Wuhan 1.963 tonnellate di disinfettanti sono stati gettati nel sistema di drenaggio e 26 impianti di depurazione in tutta la città, trattando acque reflue e fanghi per intere giornate al fine di impedire l'ingresso di agenti patogeni nel sistema di drenaggio. "L'epidemia non ha ancora raggiunto un punto di flessione", ha detto Rick Brennan, direttore delle Operazioni di emergenza dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), nonostante il calo dei casi complessivi annunciati dalla Cina negli ultimi giorni.