14 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Come hanno fatto cinque aerei di linea a superare la velocità del suono e raggiungere 1.300 km/h

È successo nel weekend 17 – 18 febbraio 2024. I voli sono arrivati a destinazione, in alcuni casi, con un anticipo di 45 minuti. Il fenomeno è causato dalla cosiddetta corrente a getto dell’Atlantico.
A cura di Biagio Chiariello
14 CONDIVISIONI
Immagine

Cinque aerei di linea hanno superato la velocità del suono tra il Regno Unito e gli Stati Uniti d’America nel corso dello scorso weekend.

Un'"impresa" raggiunta grazie alla corrente a getto dell'Atlantico (o Atlantic jet stream), che ha spinto i velivoli a una velocità di circa 1.200/1.300 km/h (quando la velocità media di crociera è in media di 900 km/h). Un'assistenza inaspettata che ha portato i voli ad atterrare nelle rispettive destinazioni – secondo i media USA – fino a 45 minuti in anticipo.

Sono stati interessati dalla turbolenza il volo 22 della Virgin Atlantic Airways, i voli 216 e 292 della British Airways e i voli 64 e 120 della United Airlines.

Secondo il National Weather Service degli USA, l'aereo della Virgin Atlantic in viaggio sabato 17 febbraio da Washington a Londra è stato spinto a quasi 1.300 km/h (800 miglia orarie): "Il lancio del pallone meteorologico di questa sera ha rilevato il secondo vento più forte registrato nella storia locale risalente alla metà del 20° secolo", ha scritto il National Weather Service Baltimora/Washington sul suo profilo X.

Non proprio una bellissima esperienza per i passeggeri del volo, come si vede anche nel video. Ma alla fine, al di là degli attimi di pausa, il viaggio è andato per il meglio.

Stesso discorso anche per gli altri 4 voli, tutti sopra alla velocità del suono. I voli si sono incanalati in una corrente d’aria che viaggia in direzione ovest-est e circonda il globo. Un fenomeno ben noto e ampiamente utilizzato dagli aerei che viaggiano verso oriente dal Nord America col chiaro obiettivo di accorciare i tempi di viaggio e ovviamente anche il consumo di carburante.

Va poi chiarito che per quanto gli aerei in questione abbiano raggiunto i 1.300 km/h, tecnicamente non hanno infranto la barriera del suono, come ha specificato Jeff Berardelli, meteorologo della WFLA Tampa Bay su X: "L'aereo è immerso in venti superiori alle 200 miglia all'ora: viaggia con il vento e di conseguenza non vola effettivamente a una velocità superiore rispetto all'ambiente in cui si trova".

14 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views