646 CONDIVISIONI
1 Gennaio 2017
01:22

Attentato di Capodanno a Istanbul: terroristi uccidono 39 persone in un night

Attacco terroristico nella notte di Capodanno 2017 all’interno del locale “La Reina”, situato nella parte ovest della capitale di Turchia. Almeno 35 i morti e oltre 40 i feriti, ma il bilancio potrebbe aggravarsi. Non c’è ancora una rivendicazione dell’atto né chiarezza sul numero dei terroristi implicati. Per gli esperti di intelligence nella strage c’è la mano dell’Isis.
A cura di Cir. Pel.
646 CONDIVISIONI
La polizia mette in sicurezza l'area dell'attentato di Capodanno a Istanbul / foto Getty Images
La polizia mette in sicurezza l’area dell’attentato di Capodanno a Istanbul / foto Getty Images

Attacco armato di matrice terroristica in un night club di Istanbul, in Turchiacon un bilancio aggiornato di 39 morti e 70 feriti. L'attentato è avvenuto nel locale  ‘La Reina‘ (La Regina) molto conosciuto e frequentato, Il governatore della provincia di Istanbul, Vasip Sahin, che ha parlato di un singolo attentatore, mentre i media locali e internazionali riferiscono di più assalitori armati di kalashnikov. Gli attentatori (o l'attentatore) sono entrati fingendosi tranquilli avventori per poi aprire il fuoco sulla folla. Il night sotto attacco è nel quartiere di Besiktas, nella parte europea della capitale turca e in quel momento ospitava almeno 5-600 persone. Molte delle centinaia di avventori del locale notturno si sarebbero gettati nelle acque gelide dello stretto del Bosforo per tentare di sfuggire ai proiettili.

La testimone oculare Sinem Uyanik ha detto alla Associated Press di aver ha visto diversi corpi all'interno del locale attaccato durante le celebrazioni del nuovo anno. Il marito Lutfu Uyanik è stato ferito nella sparatoria. "Prima che potessi capire cosa stesse succedendo, mio marito è caduto sopra di me", ha detto all'esterno dell'ospedale Sisli di Istanbul. "Ho dovuto alzare diversi corpi da sopra di me prima di poter uscire".

L'ombra dell'Isis sulla strage

In un tweet diffuso fra gli altri da Mahir Zeynalov, giornalista di Al Arabiya, si vedrebbe una persona ritenuta uno degli attentatori. Ma la verdicità del video non è stata ancora riscontrata. Così come non vi sarebbe a ora ancora alcuna rivendicazione ufficiale dell'atto da parte di gruppi terroristici. Giallo sul numero degli attentatori. Il governatore di Istanbul in un primo momento ha parlato di singolo, fonti giornalistiche, invece di più persone.

Autorità turche impongono black-out su notizie

Nella notte la Cnn turca riportava di un attentatore asserragliato nel locale e delle teste di cuoio antiterrorismo sarebbero intente in un blitz per stanarlo. Secondo l'emittente locale Ntv, gli aggressori sarebbero stati almeno due. Tuttavia il cordone di polizia intorno al luogo era di fatto impenetrabile: il governo di Recep Tayyip Erdoğan ha imposto il black-out di notizie sui fatti in corso. Secondo gli esperti dietro all'attentato ci sarebbe la mano dell'Isis. Lo riporta Al Jazeera. Secondo quanto riferisce dalla città turca un corrispondente del canale arabo, i servizi di sicurezza della Turchia pensano che la tempistica e il bersaglio del'attacco suggeriscano il coinvolgimento dello Stato islamico.

Attentato a Istanbul, in corso verifiche della Farnesina

L'Unità di crisi del Ministero degli Esteri italiano è attiva e in contatto con il Consolato generale italiano ad Istanbul "per le verifiche di rito", in seguito all'attacco armato compiuto stanotte in una discoteca della città turca. Lo rende noto la Farnesina. Tra i feriti – riferisce a Rainews24 Mariano Giustino, corrispondente di Radio Radicale dalla Turchia – ci sarebbero anche cittadini non turchi.

Il 10 dicembre 2016 l'attacco allo stadio del Besiktas, sempre nella stessa zona, causò 38 morti e 166 feriti. L'atto fu rivendicato dal gruppo estremista curdo Tak (Falconi per la liberazione del Kurdistan), nato da una costola del Pkk.

Erdogan: "Puntano a seminare il caos"

Secondo il presidente della Turchia Recep Tayyip Erdogan chi ha pensato e realizzato l'attacco punta "seminare il caos" in Turchia. Il ministro della Giustizia turco Bekir Bozdag ha condannato l'atto, dicendo: "nessun attacco terroristico distruggerà la nostra unità". "Nessun attacco terroristico distruggerà la nostra unità e la fraternità", ha scritto su Twitter.

Obama: "Condanna contro l'orrendo attentato"

La Casa Bianca occupata ancora per pochi giorni dall'uscente Barack Obama, condanna quello che ha definito "orrendo attentato terroristico" a Instanbul e offre l'aiuto e il supporto degli Stati Uniti d'America alla Turchia. Il portavoce della Casa Bianca Eric Schultz ha spiegato che Obama è stato informato dell'attacco dalla Sicurezza nazionale e ha chiesto di essere aggiornato sugli sviluppi. Anche il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg ha condannato l'attacco.

L'alto Rappresentante dell'UE Federica Mogherini ha condannato l'attacco dal suo account Twitter: "Il 2017 – ha scritto – inizia con un attacco ad Istanbul. I nostri pensieri per le vittime e i loro cari. Continuiamo a lavorare per evitare queste tragedie".

Facebook attiva il Safety check per Istanbul

Il Safety check di Facebook
Il Safety check di Facebook

Il social network Facebook ha attivato la funzione safety check affinché stranieri e turchi presenti nel locale possano far conoscere le proprie condizioni ad amici e parenti.

Il premier: "Non erano vestiti da Babbo Natale"

Il primo ministro turco Binali Yıldırım ha smentito che uno degli assalitori fosse entrato nel night turco vestiti da Babbo Natale, circostanza che subito dopo l'attentato era stata avvalorata da alcune fonti locali.

 
646 CONDIVISIONI
Afghanistan, attentato kamikaze davanti all’ambasciata russa a Kabul: morti due funzionari
Afghanistan, attentato kamikaze davanti all’ambasciata russa a Kabul: morti due funzionari
Le ultime ore nelle Torri Gemelle: il racconto degli attentati dell'11 settembre 2001
Le ultime ore nelle Torri Gemelle: il racconto degli attentati dell'11 settembre 2001
Si conclude il secondo giorno alla camera ardente della Regina Elisabetta II
Si conclude il secondo giorno alla camera ardente della Regina Elisabetta II
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni