702 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Bimbo di 9 anni mandato a casa dall’ospedale: “Ha l’influenza”. Dylan muore pochi giorni dopo

L’inchiesta sulla tragica morte del piccolo Dylan, originario di Newport, Regno Unito, all’Ospedale Universitario del Galles nel dicembre del 2022.
A cura di Biagio Chiariello
702 CONDIVISIONI
Immagine

Un bambino di nove anni è morto di setticemia pochi giorni dopo essere stato dimesso da un pronto soccorso in Galles con una sospetta influenza. Secondo l'inchiesta, il piccolo Dylan, originario di Newport, Regno Unito, è deceduto il 14 dicembre 2022 per shock settico dovuto alla rottura dell'appendice dopo essere stato portato in ospedale con dolori addominali.

Dall'inchiesta è emerso che, per quanto il bambino non si fosse sentito bene il 2 dicembre e avesse vomitato, i suoi sintomi si erano attenuati fino a diventare una lieve tosse in soli due giorni. Il 6 dicembre, a Dylan è stato somministrato del Calpol (un medicinale a base di paracetamolo). Poco dopo ha pranzato "normalmente" per poi lamentarsi di un dolore addominale “lancinante”.

Il suo medico di famiglia, preoccupato che soffrisse di appendicite, lo ha fatto subito ricoverare al pronto soccorso del Grange Hospital. Eppure un praticante ha detto che i sintomi di Dylan erano un “mistero” ed era “improbabile” che avesse problemi di appendice poiché si era lamentato di un dolore che peggiorava "sul lato sinistro", quindi sul lato opposto rispetto a dove si trova l’appendice.

Samantha Hayden, un'infermiera pediatrica, durante il processo sulla morte del giovanissimo ha detto di aver visitato Dylan intorno alle 22:00 di quel giorno di dicembre: il bimbo soffriva di linfonodi ingrossati, congestione nasale e che i suoi sintomi erano un “miscuglio” che indicava alcune possibili cause tra cui influenza, appendicite e peritonite.

Un altro operatore sanitario avrebbe dovuto esaminare il paziente, anche se l'infermiera aveva completato i documenti di dimissione prima che ciò avvenisse. Quando il coroner Caroline Saunders le ha chiesto perché non avesse incluso alcun riferimento al dolore all'addome in basso a destra di Dylan nella sua dichiarazione, la donna ha risposto: "Non ricordo".

Il piccolo è stato dimesso poco dopo l'una di notte del 7 dicembre. Al giovane è stato somministrato del Calpol e al padre è stato dato un foglio contenente "consigli per tosse e raffreddore". Tuttavia, il dolore addominale di Dylan è proseguito col bimbo che non è riuscito ad andare a scuola o a mangiare. Solo tre giorni dopo, i genitori si sono rivolti al numero di emergenza lasciatogli dall’ospedale perché le condizioni del loro figlioletto non erano migliorate.

Solo al 19esimo tentativo sono riusciti a mettersi in contatto col nosocomio, ma dall'ospedale sono stati liquidati così: "Dovete chiamare il 111", cioè l'altro numero per le emergenze. Dopo due ore di attesa, alla madre, Laurence, è stato detto che sarebbero stati messi in contatto con un medico. Con le mani e i piedi di Dylan "ormai freddi", Laurence e Corrine portarono Dylan al pronto soccorso del Grange Hospital alle 16:10.

Lì è stato trasferito all'Ospedale Universitario del Galles dove è stato sottoposto ad appendicectomia. È morto quattro giorni dopo.

702 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views