9 Novembre 2015
10:58

Sei giovani su 10 vivono con i genitori: a casa il 66% dei 18-34enni

Secondo i dati Eurostat sul 2014, il 66% dei giovani italiani tra i 18 e i 34 anni vive ancora a casa con i genitori, quasi 20 punti in più della media europea. Tra i 25-34 anni, la percentuale è del 49%, contro il 29,2% dell’Ue. Stridente il confronto con i paesi scandinavi.
A cura di Claudia Torrisi
Un italiano su tre abita con i genitori: Crisi o mammoni?

Più della metà dei "giovani adulti" italiani vive a casa con i genitori, a differenza dei coetanei europei che lasciano presto il nido familiare. Secondo i dati Eurostat riferiti al 2014, nel nostro paese la percentuale delle persone tra i 18 e 34 anni che abitano con mamma e papà raggiunge il 66%, sei ragazzi su dieci. Quasi 20 punti in più della media di tutti i paesi dell'Unione europea (48,4%). Una cifra maggiore la raggiunge solo la Croazia. I numeri sono particolarmente alti nella fascia tra i 25 e i 34 anni, quando generalmente si finiscono gli studi: vivono ancora a casa con almeno un genitore il 49% dei ragazzi italiani di quell'età (in aumento di cinque punti rispetto al 2010), contro il 29,2% in media dei coetanei nel resto del vecchio continente. Abitano in famiglia l'11,2% dei giovani francesi e il 15,5% dei ragazzi nel Regno Unito. Se si fa un paragone con i paesi scandinavi, il confronto diventa ancora più stridente. Non vivono da soli meno del 5% dei giovani: appena il 3,7% di quelli svedesi e il 3% dei danesi. In lieve aumento la percentuale in Germania – ma sempre al di sotto dei livelli italiani – che ha raggiunto il 18,3%.

La maggior parte dei 25-34enni che vivono ancora a casa dei genitori sono maschi: si parla del 57,6% – in Europa è del 36% – contro il 40,6% delle ragazze (che però nel 2010 era al 36,1%). Nonostante la percentuale femminile sia più bassa, è ancora di molto sopra la soglia europea: nella stessa fascia d'età abitano con la famiglia il 7,1% delle ragazze francesi, il 2,5% di quelle norvegesi e solo l'1,7% di quelle danesi. Anche a causa della disoccupazione, vivono a casa della famiglia il 33,4% delle ragazze spagnole e il 42,3% di quelle greche.

A influire su questi dati è stata senz'altro la crisi: secondo l'Eurostat, tra il 2007 e  il 2014, la percentuale di maggiorenni under 35 a casa con i genitori è passata da 60,7% al 65,8%, aumentando di ben 5 punti. Una crescita superiore a quella europea – da 46,9% a 49% – e che non ha avuto riscontri in tutti i paesi. Nello stesso periodo la percentuale è scesa nel Regno Unito dal 38,5% al 33,7%. Si abbassa il numero di chi lavora a tempo pieno: lo fa il 44,2% dei giovani italiani rimasti a casa – il 54,8% nell'Ue – una percentuale in calo di quasi 10 punti rispetto al 2008 (53,9%). Lavora part time il 7,6% dei 25-34enni. Infine, il 18,3%  si dichiara studente (in Ue il 10,6% dei giovani), il 20,6% si dichiara disoccupato e il 6,8% inattivo.

UK, genitori accusati di aver ucciso la figlia di 16 anni abbandonandola in casa durante il lockdown
UK, genitori accusati di aver ucciso la figlia di 16 anni abbandonandola in casa durante il lockdown
Bagnara, a 10 anni travolta e uccisa in strada: era uscita dall'auto dei genitori rimasta in panne
Bagnara, a 10 anni travolta e uccisa in strada: era uscita dall'auto dei genitori rimasta in panne
Giovane disabile abbandonato in casa di cura dai genitori per 5 anni. La sentenza:
Giovane disabile abbandonato in casa di cura dai genitori per 5 anni. La sentenza: "Non è reato"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni