729 CONDIVISIONI
23 Marzo 2012
16:41

L’aumento della benzina è un affare da 10 miliardi per lo Stato

A fornire questa stima Federconsumatori e Adusbef. Le associazioni puntano il dito contro i provvedimenti della manovra Salva Italia che gravano sui carburanti (rialzi di accise, in primis). Ma nuove tasse potrebbere presto portare a nuovi aumenti dei prezzi per benzina e gasolio.
A cura di Biagio Chiariello
729 CONDIVISIONI
la stima di Federconsumatori e Adusbef che denunciano le tasse accise dello stato

Non accenna ad arrestarsi la corsa in salita del carburante. Gli ultimi rialzi del prezzo della benzina, giorno dopo giorno, portano inesorabilmente a raggiungere la quota dei due euro al litro. A ben vedere, gli aumenti sono partiti esattamente un anno fa (marzo 2011) e sono  già pari a 0,43 euro al litro. Gli effetti sul portafogli del consumatore sono stati significativi: 516 euro. Mentre va "meglio" agli automobilisti che hanno un impianto diesel sulla propria vettura: solo 504 euro in più. A incidere maggiormente sui rincari -per il 58%, pari ad oltre un euro- sono state i provvedimenti del Decreto Salva Italia. In particolare l'aumento delle accise sui carburanti dello scorso dicembre. Non è certo un caso se tra gennaio e marzo 2012 sono state registrate le ricadute più pesanti sul prezzo della benzina: 19 centesimi al litro.

Quest'impennate faranno guadagnare allo Stato italiano quasi 10 miliardi di euro all’anno. Conti in tasca, è più o meno questa la stima di Federconsumatori e Adusbef. Le associazioni hanno calcolato i rialzi di accise e iva su benzina e gasolio; nello specifico: 20 cent in più di trattenuta sulla benzina, per 240 milioni in più al mese; 23 cent sul gasolio per 575 milioni di euro in più al mese. Per un totale, tra benzina e gasolio, di 9,8 miliardi di euro all'anno.

E il problema dei prezzi della benzina potrebbe non essere finito qui. La situazione potrebbe aggravarsi qualora il governo Monti decidesse per il via libera al ritocco dell'Iva dal 21% al 23%. «Se scatterà, il assumerà una dimensione mostruosa» è il commento di Rosario Trefiletti, numero uno di Federconsumatori, che fa notare come il nostro Paese sia quello dei «costi della benzina più alti d'Europa». Non è certo un caso, se di fronte ad una situazione del genere molti italiani decidono di lasciare l'auto a casa e prendere i mezzi pubblici.

Tutto ciò mentre si registra un nuovo picco per i carburanti. Secondo i numeri odierni di Quotidiano Energia, le punte di spesa sono arrivate a 1,990 euro/litro per la benzina (al Centro e nelle Marche) mentre si mantengono stabili a 1,820 euro/litro per il gasolio (al Sud, specialmente in Sicilia) e 0,900 per il Gpl. Sulla questione è intervenuto – alla trasmissione «Radio Anch’io» – pure il presidente dell’Antitrust, Giovanni Pitruzzella, proponendo la realizzazione di un sito web dove inserire ogni giorno tutti i prezzi della benzina zona per zona, «per permettere al consumatore di individuare il prezzo più basso richiesto vicino casa».

729 CONDIVISIONI
Lo sconto di 30 centesimi su benzina e diesel è stato prorogato dal governo Draghi
Lo sconto di 30 centesimi su benzina e diesel è stato prorogato dal governo Draghi
Pagamento pensioni di ottobre 2022, le date di Poste Italiane e le novità sull'aumento degli importi
Pagamento pensioni di ottobre 2022, le date di Poste Italiane e le novità sull'aumento degli importi
La Commissione UE propone di sospendere 7,5 miliardi di euro di fondi all'Ungheria
La Commissione UE propone di sospendere 7,5 miliardi di euro di fondi all'Ungheria
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni