1 Dicembre 2015
10:54

Istat: sale ancora la disoccupazione giovanile, aumentano gli inattivi

Il tasso di disoccupazione nazionale scende ancora ma calano anche gli occupati e aumentano gli inattivi. A ottobre il tasso di disoccupazione dei giovani invece è in aumento di 0,3 punti percentuali.
A cura di Antonio Palma

Nonostante il tasso di disoccupazione a ottobre sia pari all’11,5 per cento e quindi ancora in leggero calo rispetto all'11,6% registrato a settembre,( il minimo da tre anni), a ottobre si registra però anche il secondo calo consecutivo degli occupati su base mensile, con una diminuzione di ben 39mila unità rispetto a settembre vale a dire un calo dello 0,2%. È quanto segnala l'Istat fornendo i dati provvisori nel rapporto sugli occupati e disoccupati del mese di ottobre 2015. Non meglio va per i giovani visto che a ottobre il tasso di disoccupazione dei 15-24enni, cioè la quota di giovani disoccupati sul totale di quelli attivi, è pari al 39,8 per cento, in aumento di 0,3 punti percentuali rispetto al mese precedente.

Nel dettaglio, la stima dei disoccupati in Italia a ottobre diminuisce di 13mila unità, vale a dire dello 0,5%, un calo che riguarda soprattutto le donne e la popolazione di età superiore a 34 anni. Il tasso di disoccupazione resta sostanzialmente invariato dopo il calo dei tre mesi precedenti. Nel raffronto annuale la disoccupazione invece diminuisce del 12,3% rispetto allo stesso mese del 2014, e il tasso di disoccupazione di 1,4 punti percentuali. Come detto, però, dopo la crescita registrata tra giugno e agosto e il calo di settembre, a ottobre cala ancora la stima degli occupati a causa principalmente degli indipendenti, mentre i numeri dei dipendenti resta sostanzialmente invariato. Di conseguenza il tasso di occupazione su base mensile diminuisce di 0,1 punti percentuali, arrivando al 56,3%. Su base annua invece l'occupazione cresce dello 0,3% (+75 mila persone occupate) e il tasso di occupazione di 0,4 punti.

Una situazione dovuta principalmente alla crescita delle persone inattive cioè che coloro non hanno un lavoro e non lo cercano. Seguendo l'andamento di settembre, anche ad ottobre 2015 la stima degli inattivi tra i 15 e i 64 anni infatti aumenta ancora dello 0,2%, vale a dire +32mila persone inattive. Il tasso di inattività quindi si attesta al 36,2%, in aumento di 0,1 punti percentuali rispetto al mese precedente. Su base annua invece l'inattività aumenta dell'1,4% e il tasso di inattività di 0,6 punti percentuali.

Per quanto riguarda nel dettaglio i giovani, cioè la fascia di età tra 15 e 24 anni, l’incidenza dei disoccupati sul totale dei giovani della stessa classe di età è pari al 10,3 per cento, cioè poco più di un giovane su 10 è disoccupato. Si tratta di un aumento di 0,1 punti percentuali su base mensile. Al contrario nell’ultimo mese il tasso di occupazione tra i 15-24enni rimane stabile, mentre il tasso di inattività cala di 0,1 punti. Infine anche nella classe di età 25-34 anni si registra nell’ultimo mese una crescita del tasso di disoccupazione (+0,2 punti percentuali), mentre il tasso di occupazione diminuisce (-0,2 punti) e il tasso di inattività rimane invariato.

Fino al 2022 in Italia la disoccupazione sarà ai massimi livelli. Bisogna aiutare i più fragili.
Fino al 2022 in Italia la disoccupazione sarà ai massimi livelli. Bisogna aiutare i più fragili.
Rt stabile, ma cresce l'incidenza e aumentano i ricoveri in ospedale: il monitoraggio dell'Iss
Rt stabile, ma cresce l'incidenza e aumentano i ricoveri in ospedale: il monitoraggio dell'Iss
Cresce l'occupazione, ma i livelli pre-Covid sono lontani: 300 mila posti di lavoro in meno dal 2020
Cresce l'occupazione, ma i livelli pre-Covid sono lontani: 300 mila posti di lavoro in meno dal 2020
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni