Il decreto attuativo per il via libera al bonus mobilità è stato pubblicato in Gazzetta ufficiale e ha confermato il prossimo 4 novembre come data da tenere a mente per tutti coloro che volessero utilizzare l'incentivo per acquistare una bicicletta (anche a pedalata assistita), un monopattino o un hoverboard. A partire dal 4 novembre sarà possibile registrarsi sul portale del ministero dell'Ambiente e caricare la fattura o lo scontrino per vedersi accreditare il rimborso. Che può arrivare fino al 60% della spesa sostenuta, per un tetto massimo di 500 euro. Chi non ha ancora acquistato il mezzo potrà invece richiedere il buono sempre attraverso il portale: c'è tempo fino al prossimo 31 dicembre.

Chi ha diritto al rimborso

Ma chi può ottenere il rimborso o fare richiesta del buono? Per prima cosa, non sono previsti limiti di reddito. Potranno quindi accedere alla misura tutti i maggiorenni residenti in un capoluogo provinciale o regionale, in una città metropolitana o in un Comune con più di 50 mila abitanti.  Come anticipato, il buono servirà a coprire il 60% della spesa sostenuta, ma non potrà superare i 500 euro.

Come richiedere il bonus bici

Dal prossimo 4 novembre il portale sarà attivo. Per potervi accedere sarà necessario avere le credenziali Spid. Chi ha già acquistato il mezzo dovrà caricare la fattura o lo scontrino in modo da ottenere il rimborso. La richiesta va presentata entro il prossimo 3 gennaio 2021, previa registrazione al portale entro la fine dell'anno. Per quanto riguarda i buoni invece, questi saranno erogati secondo l'ordine temporale di arrivo delle domande, fino all'esaurimento delle risorse disponibili. Il fondo dispone di 210 milioni di euro. Una volta ricevuto il buono, questo andrà riscosso entro un mese.

Le risorse disponibili

Inizialmente nel decreto Rilancio erano stati stanziati 120 milioni di euro per il bonus mobilità, ma con la legge di conversione del decreto ne sono stati aggiunti altri 20. A questi vanno poi sommati ulteriori 70 milioni che provengono dall'assestamento di bilancio del ministero dell'Ambiente. Questi soldi, tuttavia, potranno essere utilizzati solo a partire da fine ottobre.