È drammatico il bilancio, ancora provvisorio, della tragedia avvenuta martedì mattina a Genova. Sono almeno 31 le vittime del crollo del ponte Morandi dell'autostrada A10, e diverse decine i feriti gravi. Le condizioni di alcuni erano talmente disastrose che i soccoritori hanno dovuto coprirli immediatamente con teli bianchi. Diverse auto sono rimaste incastrate e schiacciate tra le macerie del ponte dell'autostrada collassato nella città ligure e alcuni mezzi pesanti sono finiti nel torrente Polvecera. Lo riferiscono fonti dei carabinieri che stanno intervenendo sul posto. In via precauzionale sono state sgomberate alcune palazzine più vicine alla parte di ponte che non è crollata. La struttura crollata ha colpito una parte del centro Amiu, l'azienda ambientale del comune, dove si trovano uffici e dove viene gestita la logistica. Due dipendenti sarebbero tra i morti del disastro di oggi. Una parte del fabbricato è distrutta. I vigili del fuoco sono al lavoro e il bilancio dei decessi potrebbe ancora salire. Il crollo del viadotto ha sfiorato anche i capannoni di Ansaldo Energia, una delle principali industrie di impianti per la produzione di energia d'Italia.

Tra le vittime del crollo del ponte anche un bambino – Il numero delle vittime sale continuamente: un primo bilancio diffuso da fonti del Viminale parlava di undici morti accertati e cinque feriti in codice rosso, ma secondo fonti dei soccorritori le persone ritrovate prive di vita sarebbero almeno 31. Tra le vittime, secondo quanto si apprende dalle forze dell'ordine impegnate sul posto per i soccorsi, ci sarebbe anche un bambino. Almeno due invece le persone estratte vive finora dalle macerie del Ponte Morandi. Secondo quanto si è appreso, entrambe le persone salvate sono state portate al pronto soccorso del san Martino. Intanto è stato avviato il protocollo sisma per la ricerca dispersi.

Autostrade: “Erano in corso lavori di consolidamento” – Il cedimento del ponte di Genova, che sarebbe di tipo strutturale, è avvenuto durante un nubifragio e ha interessato una lunga porzione del viadotto Polcevera su cui corre l'autostrada A10. Il viadotto Polcevera attraversa l'omonimo torrente, tra i quartieri di Sampierdarena e Cornigliano. Costruito tra il 1963 e il 1967, è uno degli snodi principali del capoluogo ligure. Autostrade per l'Italia ha comunicato che sulla struttura erano in corso lavori di consolidamento della soletta del viadotto e che, come da progetto, era stato installato un carro-ponte per consentire lo svolgimento delle attività di manutenzione. “I lavori e lo stato del viadotto erano sottoposti a costante attività di osservazione e vigilanza da parte della Direzione di Tronco di Genova”, assicura Autostrade.