La legge di bilancio non cambia, ma qualora la crescita non dovesse essere quella attesa, ci saranno delle misure di contenimento del deficit e del debito. A dichiararlo è il presidente del Consiglio Giuseppe Conte durante un'intervista concessa a Di Martedì. "Confido che man mano che spiegheremo, dimostreremo che il piano sugli investimenti è concreto e che la crescita è un obiettivo entro la nostra portata vedrà che lo spread scenderà. Nella manovra economica abbiamo inserito quasi tutto il programma di governo, siamo in anticipo con i tempi direi. Nell'arco di qualche mese avremo realizzato quasi l'80% del contratto", ha puntualizzato il premier.

Proprio con riguardo alle ottimistiche previsioni sulla crescita, contestate dalla Commissione europea, dalle agenzie di rating, Fmi e Bankitalia, Conte ha spiegato: "Stiamo studiando delle misure per realizzare il contenimento del deficit e dell'indebitamento, non siamo irresponsabili. Ad ogni modo, a regime cresceremo anche di più di quanto previsto. Confidiamo di partire con la task force taglia-forbici prima, se non dovessimo riuscire, stiamo studiando dei meccanismo di contenimento della spesa".  Tradotto: tagli alla spesa pubblica.

Proseguendo, Conte ha chiesto più tempo per la predisposizione di varie misure in cantiere "dal Codice degli appalti al processo civile e penale: dateci qualche settimana di tempo, ai primi del 2019 entreranno in vigore riforme come la semplificazione burocratica e normativa". Infine, parlando dell'emendamento al ddl Anticorruzione sulla sospensione della prescrizione dopo il primo grado di giudizio, Conte ha sottolineato: "La riforma della prescrizione è sacrosanta. Vedrà che esprimeremo una piena condivisione. Noi stiamo lavorando all'accelerazione dei processi penali e stiamo depotenziando la prescrizione: secondo la proposta del M5S, dopo il primo grado non scatterebbe più. Ovviamente su questa proposta ci riuniremo, è una proposta del M5S, non è stata ancora votata. Nel contratto M5S-Lega si sono impegnati a rivedere la prescrizione con una riforma efficace".