Ha ucciso la moglie a martellate, poi si è costituito ai Carabinieri. È accaduto a Pove del Grappa (Vicenza). L'omicida è un cinquantenne: ha ucciso brutalmente la moglie di 39 anni questo pomeriggio, intorno alle 17, nella loro casa di via Bastianelli. A dare l'allarme con una chiamata al 112 è stato lo stesso assassino, fermato dai carabinieri della compagnia di Bassano del Grappa una volta arrivati nella sua abitazione.

Tutto è avvenuto all'interno dell'abitazione della coppia, originaria dell'Albania e residente a Pove del Grappa da diversi anni. A quanto si apprende i due non avevano avuto problemi di lavoro o di convivenza nella piccola comunità. In casa c'erano anche i due figli della coppia, di 13 e 9 anni, e al momento non si sa ancora se il gesto efferato sia stato compiuto davanti ai loro occhi. Quello che si sa fino ad ora è che i due ragazzi sono stati subito allontanati dalla casa per essere affidati alle cure di un parente della coppia che abita nel bassanese.

L'uomo, un muratore di 51 anni, ha impugnato un martello, e probabilmente al culmine di una lite e si è scagliato sulla vittima. Non si sa ancora cosa abbia spinto l'omicida a compiere l'omicidio, o cosa abbia innescato la reazione violenta, su questo punto gli inquirenti mantengono il più stretto riserbo. Quando si è consegnato ai militari l'omicida era sotto shock, ma è riuscito comunque a ricostruire i fatti di questo pomeriggio.

L'abitazione e le zone limitrofe sono state interdette al passaggio delle persone e al traffico. I Carabinieri della Compagnia di Bassano del Grappa stanno procedendo ai rilievi con i colleghi del nucleo investigativo di Vicenza. Secondo alcune indiscrezioni gli stessi militari avrebbero già recuperato l'arma del delitto. Sul posto è atteso a breve anche il pubblico ministero di turno.