745 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Va quattro volte al pronto soccorso in una settimana, poi muore a 38 anni: disposta l’autopsia

Matteo Bertoldo, 38enne della provincia di Vicenza, è morto venerdì scorso in ambulanza durante il trasporto in ospedale. Nel giro di una settimana si era recato quattro volte al pronto soccorso per medicare una ciste all’inguine.
A cura di Davide Falcioni
745 CONDIVISIONI
Immagine

Matteo Bertoldo, un 38enne di Piovene Rocchette, in provincia di Vicenza, è morto venerdì scorso in ambulanza durante il trasporto in ospedale. Il decesso è avvenuto a causa di una probabile emorragia, ma il pm Gianni Pipeschi ha aperto un fascicolo d'inchiesta e disposto, ieri mattina, l’autopsia. Sulla tragedia, infatti, c'è il sospetto che siano stati commessi errori da parte dei medici. Bertoldo è morto dopo essersi recato per 4 volte, nel giro di pochi giorni, al pronto soccorso, dove era stato medicato a una ciste e sempre dimesso. Una circostanza che ha indotto la famiglia, pur comprensibilmente sconvolta dal dolore, a presentare un esposto alla magistratura. "Vogliamo capire cosa è successo. Matteo stava bene", hanno dichiarato.

È il 19 gennaio quando Bertoldo si reca al pronto soccorso dell’ospedale Alto Vicentino a causa di una ciste in zona inguinale che si è infettata e gli causa dolore. Quel giorno la sala d’attesa però è molto affollata. "C’erano 65 persone, avrei dovuto aspettare tantissimo, mi hanno detto di tornare domani", dice ai suoi una volta rientrato a casa. Così il giorno seguente Bertoldo torna in ospedale, dove viene medicato gli vengono consigliati degli antidolorifici al bisogno.

Tempo tre giorni e il 38enne ha un’emorragia. Il 23 gennaio infatti il giovane perde così tanto sangue dall’inguine che, spaventato, chiama il 118. L’ambulanza lo porta in ospedale, dove la ferita viene tamponata e l’emorragia fermata. Nel giro di alcune ore Matteo viene dimesso e torna a casa, con la raccomandazione di presentarsi qualche giorno dopo per la medicazione. Puntuale, il tecnico si reca in ospedale per la quarta volta in una settimana. Gli cambiano la medicazione e poi rientra a Piovene. Ma quella sera stessa, intorno alle 22, il 38enne è vittima di una nuova, copiosa, emorragia: allarmato, richiama subito il 118 e l’ambulanza arriva da Santorso in meno di 5 minuti. La corsa in ospedale si rivela però inutile: il 38enne muore prima ancora di giungere al pronto soccorso.

Spetterà ora al medico legale accertare le cause esatte del decesso. Non solo: dovrà anche cercare di comprendere se Matteo poteva essere salvato, con cure diverse, o se comunque vi siano state negligenze o responsabilità da parte di chi ha curato il tecnico di Piovene. La Procura di Vicenza ha aperto un'inchiesta senza iscrivere alcun nome sul registro degli indagati, e d’altronde la famiglia non cerca colpe, "ma solamente di capire cosa è successo a Matteo", che lascia anche una figlia di 11 anni.

745 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views