181 CONDIVISIONI

“Urla e calci sulla schiena da un amico, poi una violenza taciuta per anni: la ferita non si chiude mai”

Dopo il femminicidio di Giulia Cecchettin, 105esima donna uccisa nel 2023, Fanpage.it apre uno spazio per le lettrici e i lettori per condividere le loro testimonianze. Se sei vittima di stalking o violenza chiama il numero 1522 – gratuito e attivo 24h su 24h.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Redazione
181 CONDIVISIONI

Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La posta dei lettori

Giulia Cecchettin è la 105esima donna uccisa nel 2023. La 82esima in ambito familiare. Un dramma in seguito al quale la famiglia di Giulia, col papà Gino e la sorella Elena, hanno chiesto di “far nascere qualcosa perché non accada più”, di “fare rumore” e di denunciare, sempre.

Se avete voglia di condividere le vostre testimonianze, Fanpage.it è aperto a voi. Scriveteci a segnalazioni@fanpage.it o cliccando qui. Se sei vittima di stalking o violenza chiama il numero 1522 – gratuito e attivo 24h su 24h.

Pubblichiamo di seguito una testimonianza arrivata alla nostra redazione: è una donna vittima di violenza che, in maniera anonima, ricorda quell'episodio avvenuto anni fa. "Ora sto bene – ci scrive – ma è una ferita che non si chiude mai del tutto".

La lettera a Fanpage.it

Era un mio amico, o almeno credevo lo fosse. Ad un certo punto ha iniziato a comportarsi in modo strano…

Una volta mi ha fatto una scenata di gelosia assurda perché la sera prima non gli avevo telefonato. Urlava forte e ricordo come fosse ieri il suo sguardo cattivo. Io mi sono allontanata ma lui mi ha raggiunta alle spalle e mi ha dato un forte calcio sulla schiena.

Due sere dopo, non so ancora spiegarmi come, ho ingenuamente accettato le sue scuse e l'ho rivisto. Dovevano esserci anche altri amici con noi. Gli amici, però, non c’erano.

C'è stata invece una violenza taciuta per anni fino a una terapia psicologica intrapresa per un altro motivo e durante la quale è emerso tutto. Ora sto bene ma è una ferita che non si chiude mai del tutto.

181 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La posta dei lettori
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views