298 CONDIVISIONI
6 Novembre 2022
16:52

Tumore dopo uso prolungato del cellulare, Inail condannata a pagare la rendita a un lavoratore

Lo Corte d’Appello di Torino ha confermato la decisione del Tribunale di Aosta che aveva condannato l’Inail a pagare la rendita per malattia professionale a un lavoratore, ora in pensione, tecnico specializzato delle Cogne Acciai Speciali: avrebbe avuto un tumore all’orecchio dopo uso prolungato del cellulare per motivi di lavoro.
A cura di Ida Artiaco
298 CONDIVISIONI

Per 13 anni ha usato il telefono in media 2 ore e mezza al giorno per motivi di lavoro. Così, quando ha scoperto di avere un tumore benigno, precisamente un neurinoma acustico all'orecchio, ha chiesto all'Inail che gli venisse riconosciuta una rendita da malattia professionale di circa 400 euro al mese. E il 2 novembre scorso la Corte d'Appello di Torino gli ha dato ragione.

Il caso riguarda un ex tecnico specializzato dell’Acciai Speciali Cogne, un uomo di 63 anni ora in pensione residente ad Aosta che si è rivolto allo studio legale torinese Ambrosio e Commodo dopo che l’Inail aveva rigettato la sua istanza di indennizzo.

I legali Stefano Bertone, Chiara Gribaudo e Jacopo Giunta, hanno sostenuto il nesso di causalità tra l'uso del cellulare prolungato per motivi lavorativi e la malattia riscontrata e hanno ottenuto un doppio verdetto positivo, prima del tribunale di Aosta (ma l’Inail aveva fatto ricorso in appello chiedendo una nuova consulenza) e ora della Corte d'Appello, che aveva nominato come consulente il professor Roberto Albera, ordinario di Otorinolaringoiatra dell’Università di Torino.

Stando alle analisi compiute, il 63enne aveva utilizzato il cellulare sempre dall’orecchio sinistro, perché il destro era già stato lesionato a causa di un trauma pregresso, con un calcolo complessivo tra le 10 e le 13mila ore, dal 1995 al 2008. Operato per il tumore ha riportato la totale sordità da quell’orecchio e anche un danno al nervo facciale con conseguente paresi da quel lato del viso oltre ad uno stato di depressione.

L'elevata probabilità di correlazione tra tumore e cellulare in questo caso è stata accertata sulla base dell’assenza di altre possibili cause e l'esposizione prolungata a radiofrequenze si è così rivelata l'unico fattore di rischio per l'ex lavoratore dell’acciaieria.

"Si tratta di una sentenza importante scritta da scienziati fra scienziati – è stato il commento dei difensori dell'uomo – in cui il ruolo dei giuristi è stato marginale, e che dimostra che le radiofrequenze possono causare un tumore".

È questo il secondo caso al mondo in cui a un lavoratore viene garantita la rendita: alcuni anni fa, sempre la corte d’Appello di Torino, aveva dato ragione a Roberto Romeo, ex dipendente di Telecom Italia, che era assistito dallo stesso studio legale, riconoscendogli un risarcimento per la prolungata esposizione alle frequenze emesse dal telefonino.

298 CONDIVISIONI
Curava i tumori con gli ultrasuoni e le radiofrequenze, dottoressa sarda condannata all'ergastolo
Curava i tumori con gli ultrasuoni e le radiofrequenze, dottoressa sarda condannata all'ergastolo
La moglie di Brunetta deve risarcire Renzi per un tweet contro di lui: condannata a pagare 20mila euro
La moglie di Brunetta deve risarcire Renzi per un tweet contro di lui: condannata a pagare 20mila euro
Migrante suicida dopo aggressione a Ventimiglia, condannati i tre uomini che lo presero a sprangate
Migrante suicida dopo aggressione a Ventimiglia, condannati i tre uomini che lo presero a sprangate
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni