Tutta la città di Venasca oggi si è stretta virtualmente attorno i familiari di Davide Allasina per l'ultimo saluto al boscaiolo piemontese di 32 anni travolto e ucciso da un albero mentre era al lavoro nei boschi del Bricco di Venasca. La tragedia si è consumata nel primo pomeriggio di sabato scorso intorno alle 15.30. Il trentaduenne  stava tagliando un albero quando la pianta che aveva appena abbattuto, cadendo a terra, ha urtato un secondo albero facendone carambolare il tronco contro il boscaiolo. Un impatto devastante che non ha lasciato scampo a Davide.

Inutili per lui i successivi soccorsi medici da parte del 118. Vista la gravità delle ferite, la centrale operativa di soccorso  aveva inviato sul posto anche un elicottero di emergenza ma purtroppo neanche questo è servito e il velivolo è tornato indietro vuoto. I medici arrivati sul luogo dell'incidente infatti non hanno potuto fare altro che constatare il decesso del 32enne, colpito al capo dall'albero. Una tragedia che ha sconvolto l'intera comunità locale in provincia di Cuneo dove Davide Allasina era molto conosciuto e apprezzato. Il 32enne che da qualche tempo era tornare a vivere a Venasca, in località Vernet, lascia una compagna e anche un figlio in tenerissima età  Da appena tre mesi infatti Allasina era diventato padre.

Descritto come un bravo ragazzo e un gran lavoratore, molti lo ricordano per l'altra sua passione, il canto. Il 32enne infatti faceva parte di alcuni gruppi folkloristici  e spesso si esibiva in eventi locali nelle Valli del Cuneese. “Ora incanta gli angeli con la tua voce” recita uno dei tanti messaggi di cordoglio che sono apparsi sui social dopo la tragica notizia.