436 CONDIVISIONI

Tra Italia e Svizzera scoppia la guerra del cioccolato, Lindt si oppone a marchio Igp del gianduiotto

Il cioccolato divide Svizzera e Italia. Al centro del contendere, il riconoscimento di Indicazione Geografica Protetta (Igp) per il Gianduiotto di Torino a cui si opporrebbe il colosso elvetico Lindt: “Vuole che tra gli ingredienti previsti dal disciplinare sia inserito anche il latte. Una richiesta inaccettabile”.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Ida Artiaco
436 CONDIVISIONI
Immagine

Scoppia la guerra del cioccolato tra Italia e Svizzera. Al centro della contesa, i famosi Gianduiotti e la loro ricetta originale. Da una parte ci sono gli storici marchi produttori del tradizionale cioccolatino piemontese: Ferrero, Venchi, Domori e dall’altra parte il colosso elvetico della Lindt, che si opporrebbe al riconoscimento di Indicazione Geografica Protetta (Igp) per il Gianduiotto di Torino.

L'iter, partito con la richiesta del Comitato del Giandujotto di Torino Igp, sarebbe dunque in stallo. "Il gruppo Lindt – ha spiegato il segretario del Comitato del Giandujotto, Antonio Borra, al convegno Il Cioccolato delle meraviglie: salute, benessere e felicità, organizzato nell'ambito di CioccolaTò a Torino – vuole che tra gli ingredienti previsti dal disciplinare sia inserito anche il latte. Una richiesta inaccettabile: il vero gianduiotto è fatto solo con tre ingredienti, che sono nocciola, zucchero e massa di cacao".  Il latte, insomma, è solo un'aggiunta della produzione industriale di massa.

Il progetto per l'Igp del gianduiotto torinese è nato nel 2017 e ha il sostegno di 4 facoltà universitarie, di aziende come Ferrero, Venchi, Domori, Pastiglie Leone, e di cioccolatieri come Guido Gobino, Guido Castagna, Giorgio e Bruna Peyrano, rappresentando una delle eccellenze del Piemonte e di tutta l'Italia. Da qui, l'appello di Borra all città di Torino e alla Regione affinché intervengano nella disputa. Anche perché "oggi il gianduiotto – ha sottolineato – vale 200 milioni di euro all'anno" e "un gruppo svizzero non può far naufragare un progetto europeo".

Durante il convegno il progetto ha ricevuto l'appoggio anche di Giorgio Calabrese, medico specializzato in Scienza dell'alimentazione e presidente del comitato nazionale per la sicurezza alimentare, che si è impegnato a portare la questione in sede ministeriale.

Il colosso svizzero del cioccolato, dal canto suo, ha rivendicato l'invenzione del gianduiotto, che risale al carnevale del 1865 per mano di Caffarel, storica azienda torinese di Luserna San Giovanni acquisita nel 1997 proprio dal gruppo Svizzero.

436 CONDIVISIONI
Verona, guardia giurata estrae la pistola e la punta contro un picchetto di lavoratori in sciopero
Verona, guardia giurata estrae la pistola e la punta contro un picchetto di lavoratori in sciopero
Bus precipitato dal cavalcavia a Mestre: l'autista Alberto Rizzotto non ha avuto un malore, cuore era sano
Bus precipitato dal cavalcavia a Mestre: l'autista Alberto Rizzotto non ha avuto un malore, cuore era sano
Oroscopo di sabato 3 febbraio 2024
Oroscopo di sabato 3 febbraio 2024
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni