Un intervento chirurgico eccezionale quello fatto all'ospedale Infantile Regina Margherita della Città della Salute di Torino su un bimbo di appena 4 anni vittima di un incidente. Il piccolo aveva riportato una grave lesione del dito medio della mano destra che non avrebbe mai più potuto muovere, causando così un impaccio per il funzionamento dell'intera mano. I medici sono riusciti, grazie a un microscopio sperimentale a guida robotizzata, a recuperare quella mano trasferendo una parte del dito del piede al posto delle prime due falangi del dito offeso.

L'operazione di precisione

L'equipe chirurgica è stata coordinata dal direttore del reparto di chirurgia della mano dell'ospedale di Torino Bruno Battiston con la collaborazione di Davide Ciclamini, responsabile della microchirurgia riscostruttiva, e di Paolo Titolo, responsabile della chirurgia del nervo periferico. I medici hanno proceduto a trasferire osso, tendine e tessuti molli da un dito del piede a quello della mano senza causare problemi di movimento al bambino in futuro che potrà camminare come se nulla fosse successo. Si tratta del primo intervento al mondo di questo tipo, reso possibile dalla tecnologia di grande precisione

La tecnologia robotica innovativa

L'equipe ha utilizzato una tecnologia robotica innovativa, mai utilizzata in questo tipo di interventi, caratterizzata da un microscopio a guida robotizzata con altissimo ingrandimento di precisione. Consente quindi di collegare piccolissimi vasi sanguigni dell'articolazione del dito del piede in questo caso a quelli della mano operata. Una volta che l'osso si sarà integrato senza rischio di rigetto, eliminato visto che i tessuti sono presi dal bambino stesso, dito e mano potranno riprendere a muoversi e crescere nel tempo, permettendo al bambino di recuperare l'attività vicina a quella di una mano nelle condizioni pre incidente.