245 CONDIVISIONI
Opinioni
8 Gennaio 2020
10:05

Tolo Tolo e le due profezie di Checco Zalone sull’Italia

In Tolo Tolo, il film del comico pugliese Checco Zalone, campione d’incassi di questo periodo e al centro di mille discussioni (a causa del tema: l’immigrazione e il razzismo degli italiani) ci sono due immagini potentissime, due vere e proprie profezie sulla nostra Italia (e non solo) che nel corso del prossimo decennio potremmo vedere realizzate.
245 CONDIVISIONI

Non è una recensione, non è uno spiegone, non è una critica, non sono istruzioni per l'uso. Ma un film visto al cinema da uno spettatore su due in Italia forse si presta ad una (modesta) valutazione. Ero convinto dall'inizio che ci avrebbe fatto ridere e piangere, oggi sono anche convinto che Tolo Tolo, il film dei record di Checco Zalone ha al suo interno due profezie che si potrebbero avverare prima o poi (speriamo prima). Premessa: sono due elementi del film (non fondamentali), quindi se avete timore di spoiler non leggete.

Ci sono due immagini, potenti come solo quelle prodotte da un attore comico possono esserlo, nel film che mischia razzismo, paradosso, ironia, luoghi comuni e sicuramente non è perfetto ma è , appunto, una commedia di Capodanno («sono solo canzonette!» Così diceva Edoardo Bennato).  La prima immagine è quella del Papa Nero. «Sarà vero / dopo miss Italia avere un papa nero», cantavano i veneti Pitura Freska nel 1997 dal palco di Sanremo. Zalone immagina un Pontefice di colore affacciarsi dal balcone di San Pietro, ipotesi peraltro già ventilata negli ultimi due Conclave, quello dopo la morte di Giovanni Paolo II e quello dopo l'addio di Benedetto XVI.

La seconda, probabilmente ancora più potente per l'italiano medio, è quella di una nazionale di calcio composta soltanto da calciatori neri. Abbiamo avuto Mario Balotelli in azzurro, parentesi breve ma intensa (ricordate quel favoloso Italia-Germania 2-1?) è più che probabile in un futuro assai breve vedere altri "nuovi italiani" della seconda generazione in campo con la maglia nazionale. Si tratta di due immagini, di due suggestioni. Ma il compito di un film non è anche quello di far sembrare più vicine le cose apparentemente lontane, di rappresentare il futuribile? Anche di questo dobbiamo esser grati a Luca Medici.

245 CONDIVISIONI
Giornalista professionista, capo servizio di Napoli a Fanpage.it. Insegna Etica e deontologia del giornalismo alla LUMSA. Ha un podcast che si chiama "Saluti da Napoli". È co-autore dei libri Il Casalese (Edizioni Cento Autori, 2011); Novantadue (Castelvecchi, 2012), Le mani nella città e L'Invisibile (Round Robin, 2013-2014). Ha vinto il Premio giornalistico Giancarlo Siani nel 2007 e i premi Paolo Giuntella e Marcello Torre nel 2012.
Sondaggi politici, chi vince le elezioni: Fratelli d'Italia e Pd volano, crollo Lega e 5 Stelle
Sondaggi politici, chi vince le elezioni: Fratelli d'Italia e Pd volano, crollo Lega e 5 Stelle
Elezioni, Forza Italia chiede di votare in due giorni, 25 e 26 settembre
Elezioni, Forza Italia chiede di votare in due giorni, 25 e 26 settembre
Alle elezioni politiche del 2022 sarà sfida a due tra Pd e Fratelli d'Italia, dice Enrico Letta
Alle elezioni politiche del 2022 sarà sfida a due tra Pd e Fratelli d'Italia, dice Enrico Letta
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni