740 CONDIVISIONI
Flavio e Gianluca morti per droga a Terni
9 Luglio 2020
15:40

Terni, adolescenti morti nel sonno, i genitori: “Sembravano lontani da certi giri pericolosi”

La disperazione dei familiari di Flavio e Gianluca, i due ragazzi di 15 e 16 uccisi dal metadone. “Erano i nostri angioletti. La loro era una amicizia forte. Erano inseparabili. Flavio stava a cena più a casa sua che da noi”.
A cura di Biagio Chiariello
740 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Flavio e Gianluca morti per droga a Terni

A 3 giorni dalla tragedia che ha sconvolto Terni e tutta l'Italia, i genitori di Flavio e Gianluca hanno trovato il coraggio di raccontare, nella disperazione, chi erano veramente i due ragazzi di 15 e 16 anni rivenuti morti a seguito dell'assunzione di metadone unito ad altre sostanze, probabilmente codeina. I due ragazzi erano “amici per la pelle, inseparabili”, raccontano i loro cari al Corriere della Sera. Si sono conosciuti in un gruppo catecumenale di preghiera. “Gianluca era un angioletto, il nostro angioletto”, ha dichiarato la madre, Maria Luisa Peralta. “Sapevo che mio figlio e forse anche Gianluca ogni tanto fumavano, tutto qui – spiega al Corriere il papà di Flavio -. Non penso che Terni sia una città pericolosa, la verità è che ci vorrebbe un più attento controllo del territorio e anche delle leggi meno permissive per reati come lo spaccio. Altrimenti non c’è alcun deterrente per chi li reitera, consapevole che se la potrà cavare facilmente. Così non si eliminerà mai il rischio che accadano tragedie di questo genere”.

“Flavio si era appassionato da un paio d’anni alla fisica quantistica – ha spiegato ancora– leggeva libri in continuazione. Non so da dove provenisse tutto questo interesse, ma era bello. Bello come quando giocava come pilone con la Terni Rugby, per seguire le orme del fratello maggiore Enrico, che ha militato anche nelle Fiamme Oro”. “E poi c’era la sua amicizia forte con Gianluca. Amici per la pelle, inseparabili. Flavio stava a cena più a casa sua che da noi”, ha proseguito il papà di Flavio, che aveva in programma di passare le vacanze col figlio e alcuni amici della sua comitiva, tra cui anche Gianluca. “A Flavio piaceva molto viaggiare, era già stato in Canada e in altri posti”, ha aggiunto. Entrambi amavano lo sport: il primo di rugby, il secondo di calcio, ed entrambi frequentavano la palestra. “E ogni lunedì, per tenersi in forma, insieme con i loro amici, avevano organizzato delle partitelle di calcio sul campetto della basilica di San Valentino”, ha spiegato il papà di Flavio.

740 CONDIVISIONI
La mamma di Flavio, morto a Terni:
La mamma di Flavio, morto a Terni: "Ora dovete essere tutti al mio fianco nell'associazione"
Terni, i funerali di Flavio e Gianluca. Il prete:
Terni, i funerali di Flavio e Gianluca. Il prete: "Assurdità ingiusta"
Gli amici di Gianluca e Flavio:
Gli amici di Gianluca e Flavio: "Hanno sbagliato, ma dire che se la sono cercata non è tollerabile"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni