video suggerito
video suggerito

Il tassista bolognese RedSox denuncia i colleghi “no pos” sui social: gomme bucate e insulti

Insulti sui social e gomme bucate al tassista bolognese Roberto Mantovani da tempo impegnato in una battaglia contro i colleghi “No Pos”. Stamattina ha trovato il taxi, parcheggiato in centro, con tre pneumatici a terra.
A cura di Chiara Ammendola
847 CONDIVISIONI
Il tassista RedSox e le gomme dell'auto bucate
Il tassista RedSox e le gomme dell'auto bucate

“Il turno diurno oggi viene rimandato”, inizia così il video con il quale Roberto Mantovani, tassista bolognese noto sui social come Red Sox, denuncia di aver trovato tre delle gomme della sua auto bucate. Nessun incidente ma un atto di violenza nei suoi confronti che sarebbe conseguenza di una sua precisa scelta, quella di iniziare una battaglia contro i colleghi che si rifiutano di utilizzare il Pos.

Mantovani, che lotta affinché vi sia trasparenza nella categoria dei tassisti, a suo dire danneggiata dai cosiddetti furbetti, pubblica ogni giorno su Twitter il rendiconto delle sue entrate e uscite per avere una maggiore chiarezza e trasparenza sul lavoro dei tassisti. Un racconto quotidiano il suo che ha raccolto molti consensi ma anche molte critiche, proprio dai colleghi. Nei giorni scorsi sono state tante le offese, le minacce e gli insulti che lo stesso ha ricevuto sui social.

Alcuni degli insulti rivolti a Roberto Mantovani
Alcuni degli insulti rivolti a Roberto Mantovani

Una violenza non solo verbale che ha trovato il culmine negli eventi di oggi quando il tassista bolognese ha trovato le gomme della sua auto bucate, che rappresentano non solo un danno economico ma anche morale per la sua battaglia. In un video successivo lo stesso ha poi fatto sapere di aver denunciato l'accaduto auspicando che le telecamere di videosorveglianza possano essere utili nell'individuazione dei responsabili.

Lo scorso 1 maggio, sul suo account Twitter Mantovani aveva scritto: “Come promesso parte la mia lotta contro quel lembo (che vuol dire una parte) marcio, diffamatorio, becero, certe volte NoPos e troppo spesso fascista che mi circonda, sotto gli occhi foderati di mortadella dei bravi colleghi ignari, indifferenti e quindi complici”.

Noto a Bologna per il suo impegno civico anche durante la pandemia, nel 2020 Mantovani ha ricevuto la medaglia al merito civico per aver messo il suo taxi a disposizione durante il lockdown, offrendo “corse di solidarietà” ai cittadini bisognosi.

847 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views