83.465 CONDIVISIONI
25 Novembre 2022
11:34

Studentessa down si laurea con 110 e lode: “Tutti possiamo farcela, ora sogno di aprire un agrinido”

Margherita Campanelli, studentessa 30enne del corso magistrale in Scienze Pedagogiche a Fano, affetta dalla sindrome di Down, ha ottenuto la magistrale in Scienze pedagogiche: “Adesso voglio aprire un agrinido”
A cura di Biagio Chiariello
83.465 CONDIVISIONI

"Ho dimostrato di potercela fare e, come me, potrebbero farcela tanti altri ragazzi se troveranno chi crederà in loro e sosterrà il loro cammino". Margherita Campanelli è una ragazza di 30 anni di Fano, affetta dalla sindrome di Down. Da qualche giorno si è laureata ieri alla magistrale di Scienze pedagogiche all’università di Macerata, con una votazione di 110 e una tesi dal titolo ’Il gioco come strumento e pratica inclusiva al nido. Le prospettive e dinamiche educative nello spazio 0-6’.

Margherita, che è anche catechista e capo scout, clown di corsia per rallegrare piccoli e grandi meno fortunati nei reparti ospedalieri, ha dimostrato così la condizione di cui soffre non sia un ostacolo alla realizzazione dei propri sogni. E ora già pensa a come poter utilizzare la sua laurea nel lavoro con i bambini.

Ora il mio sogno è quello di poter realizzare una struttura mia, un agrinido, per dare la possibilità ai bambini di crescere a contatto con la natura, guidati da approcci educativi all’insegna della concretezza e dell’esperienza" ha raccontato al Resto del Carlino

Non è stato semplice, questo è chiaro: "È stato difficile per me, pendolare, conciliare il lavoro, lo studio e la frequenza. Molte difficoltà sono emerse nel momento della pandemia, perché avrei voluto stabilire un contatto e un confronto maggiore con i docenti e i colleghi, ma purtroppo non è stato possibile" dice.

Ma ci sono stati anche tanti bei momenti, in particolare due:

Il primo esame che ho sostenuto con i professori Sani e Stramaglia. È stato un momento molto intenso sul piano dell’apprendimento, ma anche della relazione con loro. E sicuramente il secondo è il momento che sto vivendo ora e quello appena trascorso: la fine del percorso accompagnata dalla mia relatrice, la discussione della tesi e il conseguimento del titolo per cui ho tanto lavorato e che ho tanto sognato".

"Quella di Margherita è una storia straordinaria, generata da una parte da una personale determinazione, dall'altra dalla forza dell'interazione sociale inclusiva – racconta la sua relatrice originaria di Oristano, Francesca Salis, titolare della cattedra di Pedagogia delle disabilità a Macerata – Ora potrà trasmettere a bambini e bambine i valori dell'inclusione in maniera diretta, non solo con la teoria, ma attraverso la sua esperienza incarnata in modo emozionale ed esperienziale".

83.465 CONDIVISIONI
Covid in Cina, ospedali in tilt ma virologi rassicurano: sciame di varianti Omicron, vaccini efficaci
Covid in Cina, ospedali in tilt ma virologi rassicurano: sciame di varianti Omicron, vaccini efficaci
Danilo morto nel pozzo per salvare il suo cane, l'amico:
Danilo morto nel pozzo per salvare il suo cane, l'amico: "Era come un fratello, è un dolore enorme"
Virus respiratori, +300% di bambini in ospedale: terapie intensive piene e Pediatrie in affanno
Virus respiratori, +300% di bambini in ospedale: terapie intensive piene e Pediatrie in affanno
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni