7.432 CONDIVISIONI
Il rapimento di Silvia Romano in Kenya
6 Luglio 2020
13:16

Silvia Romano si racconta dopo il sequestro: “Vi spiego perché ho deciso di convertirmi all’Islam”

Silvia Romano, la cooperante di 24 anni rapita in Kenya nel novembre del 2018 e tornata in libertà lo scorso maggio, si è raccontata per la prima volta in una intervista rilasciata al giornale online diretto da Davide Piccardo in cui ha raccontato quando e perché si è convertita all’Islam: “Quando provavo paura per l’imminenza della morte o ansia per non avere notizie della mia famiglia e del mio futuro, trovavo consolazione nelle preghiere. Il velo? Per me è simbolo di libertà”.
A cura di Ida Artiaco
7.432 CONDIVISIONI
Silvia Romano.
Silvia Romano.
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Il rapimento di Silvia Romano in Kenya

Sono passati quasi due mesi da quando Silvia Romano è stata liberata ed è tornata in Italia. Era il 9 maggio scorso quando il premier, Giuseppe Conte, rivelò che la cooperante milanese, rapita nel novembre del 2018 mentre si trovava in Kenya con l'associazione Africa Milele, e tenuta prigioniera per oltre un anno e mezzo in Somalia, stava bene e che poteva rientrare a casa e riabbracciare i suoi genitori. Oggi, Silvia, che intanto si è convertita all'Islam e si fa chiamare Aisha, ha raccontato per la prima volta i mesi della prigionia e la decisione di diventare musulmana. Lo ha fatto rilasciando una lunga intervista al giornale online La Luce, di cui è direttore Davide Piccardo esponente della comunità islamica di Milano.

La decisione di partire per il Kenya

"Prima di essere rapita – ha dichiarato la ragazza – ero completamente indifferente a Dio, anzi potevo definirmi una persona non credente; spesso, quando leggevo o ascoltavo le notizie sulle innumerevoli tragedie che colpiscono il mondo, dicevo a mia madre: vedi, se Dio esistesse non potrebbe esistere tutto questo male". E neppure il volontariato era tra le sue priorità: "Fino alla fine del mio terzo ed ultimo anno di università, non avevo un particolare interesse nel partire e andare a fare volontariato. Verso la fine della tesi mi interessai moltissimo all’argomento che stavo trattando: la tratta di donne ai fini della prostituzione, da lì ho avuto uno scatto nei confronti delle ingiustizie. Ho sentito il bisogno di andare e mettermi in gioco aiutando l’altro nel concreto. L’idea di continuare a studiare e rimanere qui non mi andava, volevo fare un’esperienza vera, per crescere e per aiutare gli altri".

L'esperienza del rapimento e l'inizio della conversione

Così è nata l'idea di andare in Kenya. Un'esperienza che le ha letteralmente cambiato la vita. "Nel momento in cui fui rapita, iniziando la camminata, iniziai a pensare: io sono venuta a fare volontariato, stavo facendo del bene, perché è successo questo a me? Qual è la mia colpa? È un caso o qualcuno lo ha deciso? – ha continuato Silvia -. Queste prime domande credo mi abbiano già avvicinato a Dio, inconsciamente. Ho iniziato da lì un percorso di ricerca interiore fatto di domande esistenziali". È così che ha cominciato un percorso di avvicinamento alla religione: "Il passaggio successivo è avvenuto dopo quella lunga marcia, quando già ero nella mia prigione; lì ho iniziato a pensare: forse Dio mi ha punito. Un altro momento importante è stato a gennaio, ero in Somalia in una stanza di una prigione, da pochi giorni. Era notte e stavo dormendo quando sentii per la prima volta nella mia vita un bombardamento, in seguito al rumore di droni. In una situazione di terrore del genere e vicino alla morte iniziai a pregare Dio chiedendogli di salvarmi perché volevo rivedere la mia famiglia. Gli chiedevo un’altra possibilità perché avevo davvero paura di morire. Quella è stata la prima volta in cui mi sono rivolta a Lui. Poi a un certo punto ho iniziato a pensare che Dio, attraverso questa esperienza, mi stesse mostrando una guida di vita, che ero libera di accettare o meno".

Il velo come simbolo di libertà: "Mi sento protetta da Dio"

Infine, ha concluso la giovane milanese: "Sicuramente dopo aver accettato la fede islamica guardavo al mio destino con serenità nell’anima, certa che Dio mi amasse e avrebbe deciso il bene per me. Quando provavo paura per l’imminenza della morte o ansia per non avere notizie della mia famiglia e del mio futuro, trovavo consolazione nelle preghiere". Sulla questione velo, che ha indossato sin dal suo ritorno in Italia a maggio, ha detto: "Per me il velo è simbolo di libertà. Quando vado in giro sento gli occhi della gente addosso; non so se mi riconoscono o se mi guardano semplicemente per il velo; in metro o in autobus credo colpisca il fatto che sono italiana e vestita così. Ma non mi dà particolarmente fastidio. Sento la mia anima libera e protetta da Dio".

7.432 CONDIVISIONI
60 contenuti su questa storia
Minacce social a Silvia Romano, la procura di Milano chiede a Facebook le identità dei profili fake
Minacce social a Silvia Romano, la procura di Milano chiede a Facebook le identità dei profili fake
Silvia Romano, dietro alle minacce di morte sui social ci sarebbero individui di estrema destra
Silvia Romano, dietro alle minacce di morte sui social ci sarebbero individui di estrema destra
Minacce a Silvia Romano, la procura di Milano indaga su una quarantina di messaggi
Minacce a Silvia Romano, la procura di Milano indaga su una quarantina di messaggi
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni