30 Settembre 2021
09:19

Sicilia, incendio nella baraccopoli dei migranti: muore bracciante impiegato nella raccolta olive

Tragedia al confine tra Castelvetrano e Campobello di Mazara del Vallo, dove un uomo ha perso la vita nell’incendio divampato la scorsa notte all’interno dell’accampamento di migranti stagionali dell’ex “Calcestruzzi Selinunte”, in via Selinunte. La vittima è un giovane bracciante africano di origini sub-sahariane, morto carbonizzato.
A cura di Davide Falcioni

Dramma al confine tra Castelvetrano e Campobello di Mazara del Vallo, dove un uomo ha perso la vita nell'incendio divampato la scorsa notte all'interno dell'accampamento di migranti stagionali dell’ex “Calcestruzzi Selinunte”, in via Selinunte. La vittima è un giovane bracciante africano di origini sub-sahariane, morto carbonizzato. Le fiamme hanno distrutto tutti gli alloggi di fortuna, molti dei quali costruiti anche con cartone e legno, impiegati dai migranti che in questo periodo sono impegnati nella raccolta delle olive nel territorio Trapanese. In molti sono riusciti a salvarsi uscendo in tempo poco prima che il rogo avvolgesse l’intero campo.

Per domare l'incendio sono dovute intervenire quattro squadre vigili del fuoco ancora impiegate nelle operazioni di bonifica della zona e i carabinieri che stanno indagando sulle cause del disastro. L’ex Calcestruzzi Selinunte, di proprietà di Onofrio Cascio che dal 2010 lo ha dismesso, è da anni in stato di abbandono e da tempo viene occupata dai migranti che raggiungono Campobello di Mazara per la raccolta delle olive. Cascio ha presentato diverse denunce alle forze dell’ordine per violazione di proprietà privata ma il campo non è stato mai sgomberato: il villaggio era autogestito dagli stessi migranti, che avevano anche aperto un bazar per fare fronte alle spese quotidiane. I braccianti erano costretti a riscaldare l'acqua per lavarsi accendendo dei fuochi, ed è quindi possibile che la causa della tragedia sia da ricercare un un piccolo focolare non spento. Ulteriori indagini sono tuttora in corso. Nell'incendio sono state distrutte anche due automobili. I due mezzi erano di proprietà di alcuni migranti, che li avevano parcheggiati all’interno dell’ex opificio, scelto come luogo per costruire baracche di fortuna per dormire.

Incendio distrugge casa, uomo muore carbonizzato accanto al suo cane a Vicenza
Incendio distrugge casa, uomo muore carbonizzato accanto al suo cane a Vicenza
Italia, popolo di emigranti: 5,6 milioni vivono all'estero, nell'anno del Covid aumentati del 3%
Italia, popolo di emigranti: 5,6 milioni vivono all'estero, nell'anno del Covid aumentati del 3%
Abbandonato sul confine tra Polonia e Bielorussia, bimbo migrante di un anno muore di freddo
Abbandonato sul confine tra Polonia e Bielorussia, bimbo migrante di un anno muore di freddo
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni