1.841 CONDIVISIONI

Sfidano il deserto per una nuova vita, 4 bimbi morti di sete: dramma dell’immigrazione in Tunisia

Secondo le autorità loali, i migranti, tutti di origine subsahariana che probabilmente cercavano di arrivare lungo le coste nordafricane per imbarcarsi, sono morti a causa dell’alta temperatura e della sete dopo essere rimasti senza più scorte di acqua. I loro resti rinvenuti vicino alla frontiera con l’Algeria.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Antonio Palma
1.841 CONDIVISIONI
Immagine

Ennesimo dramma dell’immigrazione in Africa dove 2 donne e 4 bimbi sono morti in maniera orribile, di sete e caldo, mentre tentavano di attraversare il deserto per arrivare in Tunisia e imbarcarsi verso la ricca Europa. Un dramma della disperazione di chi è costretto a lasciare la propria terra in cerca di un futuro migliore e sfida anche il deserto in un clima torrido come quello di questa estate dove anche in Tunisia si sono raggiunte temperare record che non si vedevano da decenni. Le unità di sicurezza del governatorato di Tozeur, nel sud della Tunisia, hanno trovato i resti dei 4 bimbi e delle donne nel deserto del comune di Hazoua, vicino alla frontiera con l'Algeria. Lo ha confermato il governatore della provincia di Tozeur, Ayman al Bejaoui, secondo quanto riferisce l'emittente radiofonica tunisina "Mosaique Fm".

Secondo il governatore locale, i migranti, tutti di origine subsahariana che probabilmente cercavano di arrivare lungo le coste nordafricane per imbarcarsi, sono morti a causa dell'alta temperatura e della sete dopo essere rimasti senza più scorte di acqua. La morte di migranti nel deserto purtroppo non è una novità ma in questi giorni in Tunisia si registrano temperature record di quasi 50 gradi che non si vedevano dalla fine degli anni ’90.  Oltre a tanti naufragi che si assistono nel Mediterraneo, infatti, sono tantissimi quelli che non raggiungono nemmeno le coste nordafricane svanendo nel nulla nel deserto.

Nelle stesse ore del ritrovamento dei cadaveri un nuovo naufragio di migranti nelle acque tunisine del Mediterraneo è stato segnalato dalla Guardia costiera di Tunisi che ha recuperato tra lunedì 9 e martedì 10 agosto i corpi di 29 persone annegate al largo delle coste situate tra le città di Mahdia e di Sfax, nel tentativo di emigrare verso le coste italiane. Secondo le autorità tunisine, tra le vittime vi sarebbero anche dei cittadini tunisini. Secondo il portale web dell'Organizzazione mondiale per le migrazioni (Oim), oltre mille persone sono morte nella rotta del Mediterraneo centrale dall'inizio del 2021.

1.841 CONDIVISIONI
Tremore gli rende la vita impossibile, microchip nel corpo controlla il Parkinson: "Nuova era"
Tremore gli rende la vita impossibile, microchip nel corpo controlla il Parkinson: "Nuova era"
Donna morta in strada e 3 bimbi morti in auto in fiamme, polizia scopre strage: arrestato 29enne
Donna morta in strada e 3 bimbi morti in auto in fiamme, polizia scopre strage: arrestato 29enne
Ex dipendente apre il fuoco negli uffici di una compagnia di navigazione poi si suicida: 4 morti
Ex dipendente apre il fuoco negli uffici di una compagnia di navigazione poi si suicida: 4 morti
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views