È iniziata da circa 2 ore la seconda prova della Maturità 2019. Al liceo scientifico sono usciti problemi sullo studio di funzione e su un caso pratico sul funzionamento di un condensatore, mentre negli 8 quesiti ci sono studi di funzione, geometria solida, calcolo di probabilità e campo magnetico. Ancora moto di una particella, rapporto tra massa e velocità e un problema di relatività ristretta. La prova si compone di tracce miste con fisica e matematica insieme, così come previsto dalla nuova normativa in vigore. Avranno 6 ore di tempo per terminare il compito, ma la durata è diversa a seconda degli indirizzi, e cercare di ottenere il massimo dei voti, che è pari a 20, mentre quello minimo è di 0. Ecco tutte le news in aggiornamento sulle tracce della seconda prova della Maturità

Seconda prova Maturità: soluzioni delle tracce di mate-fisica allo scientifico

Mentre sono trascorse già quasi 3 ore dall'inizio dalle seconda prova della Maturità 2019, arrivano le prime indiscrezioni sulle possibili soluzioni delle tracce di mate-fisica al liceo scientifico. Stando ai commenti dei tutor di Skuola.net, per quanto riguarda il primo problema sullo studio di funzione, i primi due punti prettamente matematici. Nei punti 3 e 4 vengono utilizzate le informazioni ricavate precedentemente come dati di un problema fisico, in particolare bisogna studiare la circuitazione del campo magnetico nel punto 3 e la velocità angolare di una spira nel punto 4. Per quanto riguarda il problema 2, di fisica sul campo magnetico applicato all'uso del condensatore, il punto 1 consiste in una domanda teorica sui campi magnetici e le relazioni tra il campo elettrico e il campo magnetico. Nel secondo viene richiesto il calcolo della differenza di potenziale di un condensatore di cui è nota l’equazione del flusso.

Dopo la scelta e svolgimento di uno dei 2 problemi, i maturandi devono rispondere a 4 degli 8 quesiti scelti dal Miur. Ecco le soluzioni:

  1. Viene chiesto di determinare i coefficienti di un polinomio p(x). Esercizio semplice incentrato sullo studio di funzione, tuttavia la risoluzione richiede molta attenzione a causa dei numerosi passaggi necessari;
  2. Polinomio di 2019°, la cui risoluzione è piuttosto semplice studiando la derivata e notando che la funzione è monotona crescente;
  3. Problema di minimizzazione, standard nelle prove di maturità. Una volta impostato l’esercizio si svolge con relativa tranquillità;
  4. La domanda richiede la conoscenza di concetti di geometria in tre dimensioni;
  5. Problema relativo al calcolo delle probabilità, il primo punto è standard, mentre per gli altri due è facile incappare in un errore, data la notevole complessità nella trattazione;
  6. Applicazione diretta della formula della legge di Faraday Neumann e Lenz, con successivo calcolo della corrente a partire dalla differenza di potenziale;
  7. Quesito sulla relatività ristretta che viene proposta. Un argomento che non si vedeva da molto tempo nelle prove di Maturità;
  8. È un'applicazione diretta della legge di Lorentz. Di fondamentale importanza è la comprensione che il moto elicoidale è generato dalla sovrapposizione di un circolare uniforme e rettilineo uniforme.

Seconda prova Maturità 2019: la traccia di problemi e quesiti di mate-fisica

La seconda prova al liceo scientifico della Maturità 2019 è per la prima volta mista o multidisciplinare, cioè ci saranno fisica e matematica insieme. In questo caso, uno dei problemi verte sulla Circuitazione del campo magnetico, chiedendo di sviluppare la formula che descrive il campo magnetico all'interno di un condensatore, e l'altro sullo studio di una funzione. La prova si compone di due problemi e otto esercizi. Tra questi gli studenti dello scientifico devono scegliere un problema e 4 quesiti che giudicano più accessibili secondo le loro conoscenze e competenze.

La decisone del Miur ha lo scopo di accertare in questo modo "le conoscenze, le abilità e le competenze attese dal profilo educativo culturale e professionale della studentessa o dello studente dello specifico indirizzo". Gli studenti del liceo scientifico hanno massimo 6 ore per completare la seconda prova, come visto durante le simulazioni. È consentito l'utilizzo di calcolatori, ad eccezione di quelli programmabili (Cas).

Seconda prova Maturità allo scientifico: cosa è uscito l'anno scorso

In attesa di scoprire l contenuto della seconda prova della Maturità 2019 al liceo scientifico, ricordiamo le tracce che sono uscite lo scorso anno. Nel 2018, quando non era ancora entrato in vigore il Decreto n.62/17 che regola l'esame di Stato dall'anno scolastico in corso, la traccia del primo problema riguardava il funzionamento di una macchina adoperata nella produzione industriale di mattonelle per pavimenti, mentre il secondo problema era il più tradizionale "studio di una funzione". Per quanto riguarda i quesiti, ce ne sono stati di classici "come il rapporto tra volumi di rotazione, un integrale, la combinatoria, la tangenza fra curve. Più difficili il quesito riguardante i limiti e lo studio di un piano nello spazio".