Le scarpe di Samira sono stata ritrovate dal marito in fondo a un fossato a pochi chilometri da casa. Si tratterebbe proprio delle scarpe nere indossate dalla moglie prima di far perdere le proprie tracce, per Mohammed El Attar, l'uomo che un mese fa ha denunciato la scomparsa della moglie da Stanghella (Padova) e che ha allertato le autorità per il ritrovamento avvenuto a pochi passi da casa. L'uomo ha fatto la scoperta stamane in un un campo nella periferia del Padovano, lungo la Statale 16, dove è andato insieme alla zia della 43enne. Sul campo è stato ritrovato anche un frammento di portachiavi che Mohammed ha detto di essere della moglie.

Sul posto sono intervenute immediatamente le forze dell'ordine che indagano per sequestro di persona. Sulle scarpe e sulla scena, infatti, potrebbero essere presenti importanti elementi di prova che aiutino a ricostruire quanto accaduto alla mamma di Stanghella. Samira El Attar, infatti, sarebbe scomparsa nel nulla dopo aver accompagnato la figlioletta di 4 anni alla scuola materna. La donna ha lasciato la bimba in classe, poi è rimontata in sella alla sua bici bianca ed è tornata a casa, da dove sarebbe andata via intorno alle 10 diretta, secondo il marito, a un colloquio di lavoro con un potenziale datore.

La donna, infatti, lavorava spesso come badante notturna ed è per questo, a suo dire, che Mohamed non ha denunciato immediatamente la scomparsa quando non è rientrata a dormire. L'uomo, infatti, ha detto di aver pensato che la moglie fosse andata a lavorare e che sarebbe rincasata l'indomani, ma così non è stato. Nei giorni successivi all'apertura delle indagini la casa dove la coppia vive a Stanghella è stata setacciata dai RIS, che hanno scavato anche nel terreno antistante l'abitazione, dove è stato trovato del sangue animale.