1.128 CONDIVISIONI
11 Marzo 2022
15:47

Sciopero benzinai per caro carburante, cosa cambia da lunedì 14 marzo

Spiega Enzo Nettis, presidente di Faib-Confesercenti, che a fronte di un aumento del prezzo del carburante “il ricavo dei benzinai rimane fisso: circa 3 centesimi e mezzo al litro. In compenso, i litri erogati diminuiscono”.
A cura di Davide Falcioni
1.128 CONDIVISIONI

Non solo gli autotrasportatori: ad incrociare le braccia, a partire da lunedì, saranno anche i titolari di pompe di benzina che nelle ore notturne chiuderanno gli impianti self service contro un caro carburanti di cui sostengono di essere loro stessi vittime. A spiegarlo Enzo Nettis, presidente di Faib-Confesercenti, l'associazione dei gestori delle pompe di benzina: "Lo avevamo annunciato nei giorni scorsi – dice  – e ora siamo costretti a farlo. Benzina e gasolio aumentano, ma il ricavo dei benzinai rimane fisso: circa 3 centesimi e mezzo al litro. In compenso, i litri erogati diminuiscono a causa dell'incremento dei prezzi e i costi di gestione aumentano". L'aumento medio delle bollette elettriche per i benzinai, secondo Nettis, "è del 135%; in un anno sarebbero 10.000 euro in più per ciascun un impianto. Così si mette a rischio la sopravvivenza stessa di molte imprese. Siamo coscienti che la nostra decisione potrà comportare qualche disagio per i consumatori, ma siano anche convinti di avere la loro solidarietà, perché noi e loro siamo ugualmente vittime di questa situazione".

Il presidente di Faib-Confesercenti ha aggiunto: "Abbiamo scritto ai parlamentari perché sensibilizzino il governo sulla necessità di un intervento immediato che consenta a tutti – benzinai, consumatori, imprese – di almeno mitigare gli effetti di un fenomeno sempre più preoccupante. Ci indigna l'assoluta indifferenza del governo, che non può limitarsi a far cassa grazie all'incremento del gettito dovuto a Iva e accise varie. È proprio in tema di accise che lanciamo una proposta, magari non risolutiva ma certamente in gradi di alleggerire i contraccolpi della crisi: il governo intervenga immediatamente dando applicazione a quanto previsto dalla legge 244/07, in tema di ‘accisa mobile (o anticiclica)' che consente , da una parte, di sterilizzare gli aumenti della tassazione sui carburanti e, dall'altra, di creare un minimo di stabilità per famiglie ed operatori economici. Come si vede – conclude Nettis -, gli strumenti ci sono: è necessario che vi sia anche la volontà politica".

1.128 CONDIVISIONI
Assegno unico, scade la possibilità di fare domanda per gli arretrati: cosa cambia da luglio
Assegno unico, scade la possibilità di fare domanda per gli arretrati: cosa cambia da luglio
Ok a nuovo decreto contro il caro bollette: cosa è stato deciso in Consiglio dei ministri
Ok a nuovo decreto contro il caro bollette: cosa è stato deciso in Consiglio dei ministri
Benzina sopra i due euro al litro, cosa farà il governo per fermare il caro prezzi
Benzina sopra i due euro al litro, cosa farà il governo per fermare il caro prezzi
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni