Un terribile incidente stradale è costato la vita a una giovane mamma di 35 anni nelle score ore a Lucca. La vittima è Joanna Keib, 35enne di origini polacche ma da tempo residente in Toscana, sbalzata letteralmente fuori dall'abitacolo della vettura su cui viaggiava col compagno e il figlioletto di 8 anni di ritorno a casa. A lanciare l'allarme nella serata di giovedì è stato proprio il compagno della donna che, nonostante il terribile impatto che ha distrutto la vettura, è rimasto praticamente illeso così come il bambino che viaggiava legato sul proprio sediolino. All'arrivo dei primi soccorsi, però, per la donna non c'era più niente da fare. I sanitari della Croce Verde inviati dal 118 e accorsi con ambulanza e automedica hanno provato a rianimare la donna, che era riversa sul prato al lato della strada, ma si sono dovuti arrendere e dichiararne il decesso sul posto.

Il dramma si è consumato prima delle 21 di giovedì in via del Tiro a Segno a Sant’Anna, sul parco fluviale. Secondo i primi rilievi delle forze dell'ordine, si tratterebbe di un incidente autonomo che non ha coinvolto altri mezzi. La vettura, un opel zafira guidata dall'uomo, avrebbe sbandato improvvisamente all'altezza di una curva in discesa, e per motivi tutti ancora da accertare, è finita fuori strada in un punto dove  non ci sono barriere di protezione. L'auto è finita giù nella scarpata sottostante ribaltandosi più volte prima di concludere la sua corsa completamente distrutta. Uno schianto spaventoso durante il quale la donna è stata sbalzata via dall'abitacolo. Joanna è morta praticamente sul colpo lasciando anche un'altra bambina di pochi anni. Per soccorrere i tre è stato necessario anche l'intervento dei vigili del fuoco giunti sul posto con una squadra. La tragedia ha lasciato sotto shock il piccolo che è stato trasportato al pronto soccorso in via precauzionale per i necessari controlli ma non ha riportato ferite serie. La dinamica dell'incidente è ora al vaglio della polizia municipale di Lucca.