La Guardia costiera ha ritrovato in mare in Sardegna i corpi di due migranti. Si trovavano a bordo di un barchino senza motore che sarebbe alla deriva da diversi giorni. La causa della morte rimane al momento sconosciuta e si dovrà attendere l'esito dell'autopsia per fare chiarezza sulla questione. Il recupero dei cadaveri è stato effettutato dalla Guardia costiera di Arbatax a circa 25 miglia marine dalle coste dell'isola. La zona è quella di Tertenia, in Ogliastra.

I corpi sarebbero in avanzato stato di decomposizione: sono stati trasferiti all'obitorio dell'ospedale di Lanusei. Il barchino sul quale si trovavano è stato avvistato da un'altra imbarcazione che ha dato l'allarme alla Capitaneria di porto. Ci sono varie ipotesi, per il momento aperte, sulla provenienza dei migranti e sulle loro modalità di approdo alle coste sarde. Si tratta senza dubbio di una situazione insolita: una piccola imbarcazione con solo due persone a bordo non è decisamente la normalità quando si tratta di flussi migratori verso l'isola.

Potrebbe essere che il barchino fosse ancorato ad un natante più grande dalla quale si è poi sganciato, finendo per lasciarsi trasportare dalle correnti. Per il momento, si tratta solo di ipotesi, come quelle avanzate sulle cause del decesso dei due migranti. Nel frattempo, i carabinieri di Arbataz e Lanusei hanno avviato le indagini.