Scomparsa Saman Abbas
5 Ottobre 2022
17:41

Saman Abbas, il padre libero di muoversi nonostante le richieste dell’Italia: nessuno lo cerca

Dalla sua latitanza tranquilla il padre di Saman sarebbe riuscito a contattare persino il figlio in Italia. Questo non impedirà ai pm di poetarlo a processo che vedrà alla sbarra anche la madre, lo zio e due cugini di Saman.
A cura di Antonio Palma
I genitori di Saman all’aeroporto di Malpensa il giorno dopo la scomparsa
I genitori di Saman all’aeroporto di Malpensa il giorno dopo la scomparsa
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Scomparsa Saman Abbas

L'Italia ne ha chiesto la cattura e l'estradizione ormai oltre un anno fa, indicandolo come una delle persone chiave nella sparizione e nell'omicidio di Saman Abbas ma il papà della 18enne scomparsa da Novellara il 30 aprile dello scorso anno è tranquillamente libero di muoversi in patria dove nessuno lo cerca.

Le ultime immagini di Saman Abbas coi familiari
Le ultime immagini di Saman Abbas coi familiari

La conferma di quello che da tempo anche le autorità italiane sono a conoscenza arriva da un video mandato in onda da Quarto Grado su Rete 4. Nel filmato si vede Shabbar Abbas a Charanwala, in Pakistan, suo paese d’origine, mentre cammina  in strada e partecipa a un evento pubblico.

È il 27 agosto scorso e l’uomo sta tranquillamente partecipando a una cerimonia religiosa con altre persone, segno del fatto che non sia assolutamente nel mirino della polizia pakistana.

Saman Abbas e lo zio
Saman Abbas e lo zio

Del fatto che il padre di Saman avesse attorno una rete di protezione era chiaro ma fino ad ora si credeva avesse cambiato zona per nascondersi. Le immagini invece lo mostrano mentre conduce la propria vita negli stessi posti come se niente fosse.

Dalla sua latitanza tranquilla il padre di Saman sarebbe riuscito a contattare persino il figlio in Italia con alcuni messaggi dove avrebbe chiesto al ragazzo di ritrattare quanto da lui riferito nei mesi precedenti sulla morte della sorella.

Secondo le relazioni dei servizi sociali, sarebbe stato Shabbar Abbas a fornire al minorenne la notizia dell’arresto in Francia dello zio Danish Hasnain, considerato autore materiale del delitto  di Saman.

Non solo, Shabbar avrebbe rivelato al  figlio che la moglie Nazia Shaheen non sarebbe nascosta con lui ma in un altro luogo.

Saman e il fidanzato che la famiglia non accettava
Saman e il fidanzato che la famiglia non accettava

La loro fuga in Pakistan però non impedirà alla Procura di portare in Tribunale tutte le prove raccolte nel corso delle indagini per dare il via al processo che vedrà alla sbarra i genitori della ragazza, ad ora appunto latitanti, lo zio e due cugini Nomanulhaq Nomanulhaq e Ikram Ijaz, tutti accusati di aver premeditato l’omicidio della 18enne che non voleva sottostare a un matrimonio da loro combinato.

138 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni