2.911 CONDIVISIONI

Rubano l’auto della moglie del boss Micalizzi, lui li fa pestare a sangue: “Ringraziate di essere vivi”

Avevano rubato l’auto della moglie del boss Micalizzi di Palermo nel quartiere Zen. Dopo due ore, il capomafia li aveva rintracciati e fatti pestare a sangue prima di costringerli a riconsegnare la macchina: 11 arresti nel clan.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Gabriella Mazzeo
2.911 CONDIVISIONI
Immagine

L'8 settembre del 2021 avevano rapinato la moglie del boss Michele Micalizzi, sottraendole l'auto allo Zen di Palermo dopo averla intimorita. La donna aveva riferito tutto al capomafia, che in due ore era riuscito a scoprire gli autori del colpo e a punirli severamente. Per il gip di Palermo, quella era stata la dimostrazione plateale del "potere criminale" del mafioso, che aveva ordinato il pestaggio a sangue dei due rapinatori per "onorare il nome del clan",

L'inchiesta della Dda di Palermo su quanto avvenuto aveva portato a 11 arresti: tra questi, anche il boss Micalizzi e il figlio. Stando a quanto reso noto, i rapinatori erano stati pestati a sangue dal clan e costretti a riconsegnare personalmente l'automobile rubata alla moglie del capomafia.

Il figlio di Micalizzi, Giuseppe, insieme a un altro complice, avrebbe riferito al padre di aver dato una "bella lezione" ai due ladri una volta riconsegnata la vettura.

"Tu mi devi dire grazie – avrebbe detto il figlio del boss in un'intercettazione che ora è nelle mani delle forze dell'ordine – perché sei vivo". L'uomo avrebbe poi continuato a raccontare quanto fatto al bandito, spiegando di averlo "macinato" e "quasi ammazzato".

L'intercettazione ha permesso alle forze dell'ordine di ricostruire la rete di minacce e prevaricazioni del boss mafioso, portandole ad arrestare 11 persone che avrebbero permesso al boss di rintracciare e "punire" i banditi che avevano rubato l'auto della moglie del capomafia.

A raccontare l'accaduto alle forze dell'ordine, proprio uno dei due banditi che aveva subìto il pestaggio. Il bandito, pur non avendo voluto parlare con gli agenti subito dopo i fatti, si è deciso poi a testimoniare e a dare il via all'indagine che ha portato poi all'arresto delle 11 persone che hanno organizzato e permesso il violento pestaggio.

2.911 CONDIVISIONI
Anche le auto ferme dovranno essere coperte da assicurazione: scatta l'obbligo
Anche le auto ferme dovranno essere coperte da assicurazione: scatta l'obbligo
Catturato il boss Marco Raduano in Corsica, evase un anno fa dal carcere di Nuoro con lenzuola annodate
Catturato il boss Marco Raduano in Corsica, evase un anno fa dal carcere di Nuoro con lenzuola annodate
Catturato il boss Marco Raduano, evase un anno fa dal carcere di Nuoro con lenzuola annodate
Catturato il boss Marco Raduano, evase un anno fa dal carcere di Nuoro con lenzuola annodate
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views