332 CONDIVISIONI
15 Novembre 2022
12:00

Ricercato per omicidio, si presenta in questura per chiedere protezione internazionale: arrestato

Un uomo peruviano di 55 anni è stato arrestato a Trento: aveva richiesto la protezione internazionale, ma era ricercato nel suo Paese d’origine per omicidio.
A cura di Davide Falcioni
332 CONDIVISIONI
Immagine di archivio
Immagine di archivio

Cercava protezione internazionale, ma ha trovato le manette: protagonista un cittadino peruviano di 55 anni che nei giorni scorsi si è presentato all’Ufficio Immigrazione della Questura di Trento per chiedere il riconoscimento del diritto d'asilo fornendo generalità leggermente modificate. Gli agenti della Squadra Mobile, fatte le dovute verifiche, hanno però scoperto che l'uomo era ricercato in campo internazionale a fini estradizionali verso il Perù, dove era accusato di omicidio.

Dopo aver acquisito la richiesta di protezione internazionale ed espletato gli adempimenti del caso, da ulteriori approfondimenti investigativi scaturiti da una nuova richiesta con esatte generalità e dal consueto monitoraggio effettuato dagli operatori della locale Squadra Mobile, relativamente ai soggetti ricercati in ambito internazionale, è emersa la probabilità che il soggetto potesse essere destinatario di una misura restrittiva da parte del Paese sudamericano.

Prontamente lo S.C.I.P. – il Servizio di Cooperazione Internazionale di Polizia – della Direzione Centrale della Polizia Criminale ha dato conferma dello status di latitanza del soggetto.

Secondo la "red notice", cioè la segnalazione Interpol, l’uomo nel 2014 avrebbe commesso un omicidio insieme a dei complici, ragion per cui era stato inserito nell’elenco dei latitanti da ricercare secondo il progetto “El Pacto”, ovvero un progetto del Segretario Generale Interpol di Lione, finanziato dall’Unione Europea per l’assistenza ai Paesi Latinoamericani contro il Crimine Transnazionale Organizzato.

Alla luce di ciò, gli operatori della Squadra Mobile, dopo un’attenta attività investigativa, nella giornata di ieri hanno localizzato il 55enne e lo hanno tratto in arresto nella casa di una cittadina ecuadoregna residente in città.

332 CONDIVISIONI
Roberto Saviano racconta Messina Denaro: “Anche al 41 bis continuerà ad essere il re di Cosa Nostra”
Roberto Saviano racconta Messina Denaro: “Anche al 41 bis continuerà ad essere il re di Cosa Nostra”
Russia, ex comandante del gruppo Wagner fugge in Norvegia e chiede asilo politico
Russia, ex comandante del gruppo Wagner fugge in Norvegia e chiede asilo politico
Roberto Saviano racconta Matteo Messina Denaro: i crimini, la latitanza, le coperture politiche
Roberto Saviano racconta Matteo Messina Denaro: i crimini, la latitanza, le coperture politiche
396.976 di My Way
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni