2.400 CONDIVISIONI
14 Aprile 2022
13:09

Recensione omofoba al locale: “Ho dovuto mangiare accanto ai gay”. Il proprietario: “Non torni più”

La recensione omofoba lasciata a una bruschetteria di Monte di Malo, in provincia di Vicenza, è diventata virale dopo che il proprietario del locale ha risposto chiedendo al cliente di non tornare mai più nel locale. “Non serviamo chi discrimina”
A cura di Gabriella Mazzeo
2.400 CONDIVISIONI

"Mi hanno messo a mangiare accanto a dei gay. Non mi sono sentito a mio agio durante la consumazione". Inizia così la breve recensione lasciata da un cliente a una bruschetteria di  Monte di Malo, in provincia di Vicenza. Alla fine del post, perfino i complimenti per il cibo servito nel locale. "Peccato – scrive l'utente – perché la bruschetta era molto buona". Il post non ha lasciato indifferenti i gestori del locale, che hanno subito risposto invitando il cliente a non rientrare mai più nel locale. "Qui accettiamo tutti – scrive la bruschetteria – tranne gli omofobi".

La vicenda ha fatto il giro di internet grazie al post condiviso proprio dalla Bruschetteria Faedo.  "Ci vediamo costretti a condividere una recensione come questa – scrive il locale nella sua pagina Facebook ufficiale -. Invitiamo questa persona a non presentarsi mai più nel nostro locale. Con questo post vogliamo prendere una posizione ben definita contro tutti coloro che la pensano allo stesso modo. Ci sarebbe piaciuto dire direttamente queste cose al signore della recensione, ma non ne conosciamo il vero nome e cognome".

Screen dalla pagina
Screen dalla pagina "Insultare su Trip Advisor sentendosi grandi chef"

Online, il cliente in questione aveva dato un punteggio basso alla bruschetteria, dando come motivazione la "vicinanza del suo tavolo a quella di un gruppo di omosessuali". "Non mi sono sentito a mio agio durante la consumazione. Peccato perché la bruschetta era molto buona". Il locale ha prontamente risposto. "Caro cliente, apprezziamo il suo impegno nel valutare il nostro servizio attraverso la sua recensione, nonostante questo la invitiamo a non tornare a consumare la nostra bruschetta in quanto nel nostro locale accettiamo tutti, tranne gli omofobi". "Ci scusiamo davvero per il disagio, non avevamo capito venisse dal medioevo – continua la bruschetteria – A saperlo l'avremmo messa a mangiare nella porcilaia, dove probabilmente si sarebbe trovato più a suo agio".

2.400 CONDIVISIONI
Riapre bar
Riapre bar "San Vito" accanto al covo di Messina Denaro. Il titolare: "Mai visto nel nostro locale"
Chi era Cristiana Gugu, l'allevatrice trovata morta congelata nella neve insieme a 3 dei suoi cani
Chi era Cristiana Gugu, l'allevatrice trovata morta congelata nella neve insieme a 3 dei suoi cani
Stralcio cartelle fino a 1000 euro dal 2023: cosa prevede la manovra del governo sulla pace fiscale
Stralcio cartelle fino a 1000 euro dal 2023: cosa prevede la manovra del governo sulla pace fiscale
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni