3.328 CONDIVISIONI
26 Settembre 2018
10:30

Rapina in villa a Lanciano, fermati tre romeni: “Stavano scappando, ritrovato il bottino”

Svolta nelle indagini sulla rapina e aggressione nella villa di Lanciano ai danni di Carlo Martelli e della moglie Niva Bazzan: tre romeni sono stati arrestati dai carabinieri mentre cercavano di scappare. Ritrovati i soldi sottratti alla coppia e i giubbini usati per mettere a segno il colpo. A incastrarli la testimonianza di un commerciante, anch’egli vittima della banda. Ma il capo, pugliese, è in fuga.
A cura di Ida Artiaco
3.328 CONDIVISIONI

Svolta nelle indagini sulla rapina, in perfetto stile "Arancia Meccanica", nella villa di Lanciano, in provincia di Chieti, verificatasi la scorsa domenica 22 settembre ai danni del chirurgo Carlo Martelli e della moglie Niva Bazzan. Entrambi 69enni, sono stati brutalmente picchiati, e lei addirittura mutilata a un orecchio. I carabinieri hanno arrestato la scorsa notte tre cittadini romeni, due fratelli e un cugino, ritenuti responsabili dell'attacco, e già tenuti d'occhio dagli inquirenti perché legati ad altri episodi simili verificatisi in zona. Sono stati fermati poco prima della fuga a bordo della stessa vettura che avevano utilizzato per mettere a segno il colpo. È stata proprio l'auto, da tempo sotto il controllo delle forze dell'ordine, a tradirli. Tuttavia, in fuga sarebbe il capo della banda, un uomo probabilmente di origine pugliese.

I militari hanno ritrovato all'interno della vettura anche soldi, per un totale di 3.400 euro, e giubbini che permettono di collegarli ai ricercati per la rapina in casa del chirurgo Carlo Martelli e della moglie Niva Bazzan. In mattinata uno dei fermati è stato portato in Commissariato per l'interrogatorio di rito. Fondamentale per la svolta nell'indagine è stata anche la testimonianza di un uomo che è stato vittima della banda nei mesi scorsi. "Anche se ho visto solo occhi dietro un cappuccio e voci, tutto combacia: il capo forse è un pugliese, e gli altri sono dell’Est Europa". Il commerciante Massimiliano Delle Vigne ha ricordato il pestaggio subito nella sua villa a Santa Maria Imbaro, alle porte di Lanciano. Brutali analogie con l’assalto fatto ai coniugi Martelli. Intanto, la donna, ex infermiera, dovrebbe essere dimessa nella giornata di oggi dopo essere stata sottoposta ad una coronarografia per escludere il sospetto che potesse aver avuto un principio di infarto durante la rapina. Il marito, invece, dovrà restare in osservazione in ospedale ancora per qualche giorno.

Intanto, sulla vicenda è intervenuto anche il Ministro dell'Interno, Matteo Salvini. "Coniugi massacrati a Lanciano, in manette tre rumeni che stavano fuggendo con i soldi rubati. Grazie alle nostre Forze dell'Ordine, queste bestie devono marcire in galera! #tolleranzazero", ha scritto in un tweet commentando i tre arresti per la rapina di Lanciano.

3.328 CONDIVISIONI
Uomo ucciso a coltellate a Firenze, il cadavere ritrovato in un appartamento: fermato un 21enne
Uomo ucciso a coltellate a Firenze, il cadavere ritrovato in un appartamento: fermato un 21enne
Rapinavano le gioiellerie del centro di Milano: arrestati tre membri dei
Rapinavano le gioiellerie del centro di Milano: arrestati tre membri dei "Pink Panthers"
Intrappolato 8 ore in un tunnel sottoterra: folla applaude quando i pompieri lo estraggono vivo
Intrappolato 8 ore in un tunnel sottoterra: folla applaude quando i pompieri lo estraggono vivo
504.575 di Simona Berterame
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni