Coronavirus
4 Giugno 2021
17:18

Quali sono le ultime mini zone rosse rimaste in Italia

Sono in totale otto le città in zona rossa in Italia, per un totale di circa 35mila abitanti sottoposti alle massime restrizioni: quattro in Sicilia, due in Campania e due in Basilicata. Intanto tute le regioni del paese entro la fine di giugno potrebbero diventare bianche grazie alla diminuzione dei contagi.
A cura di Davide Falcioni
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

Secondo l'ultimo monitoraggio settimanale dell'Istituto Superiore della Sanità e del Ministero della Salute l'Italia sta sempre meglio: gli esperti hanno infatti confermato il trend di decrescita dei contagi già osservato nelle scorse settimane, con un indice Rt a 0,68 e un tasso di incidenza di 30 casi ogni 100 mila abitanti, abbondantemente sotto la soglia limite di 50, al di sopra della quale è impossibile effettuare un corretto tracciamento dei positivi. Tutte le regioni e le province autonome sono classificate a basso rischio ed entro la metà di giugno gran parte del paese sarà bianca, il resto gialla. Assenti regioni in fascia arancione o rossa, anche se non mancano zone in cui il virus sta ancora circolando e che per questa ragione sono ancora sottoposte alle massime restrizioni: in queste città non ci si può recare salvo giustificati motivi, le scuole sono ancora chiuse così come bar e ristoranti e resta in vigore il "vecchio" coprifuoco, dalle 22 alle 5 del mattino.

Sicilia, Basilicata e Campania: dove sono gli otto comuni in zona rossa

In zona rossa si trovano in particolare otto comuni in Sicilia, Basilicata e Campania, per un totale di circa 35mila cittadini in lockdown. Le città in zona rossa sono Santo Stefano di Quisquina (Agrigento), Geraci Siculo e Prizzi (Palermo) e Scordia (Catania), tutti e quattro "chiusi" fino al 10 giugno a causa della scoperta di alcuni focolai. In Basilicata i comuni in zona rossa sono due: Acerenza (2.400 abitanti) e Montemilone (1.500 abitanti), entrambi in provincia di Potenza. Salvo sorprese le restrizioni termineranno domenica 6 giugno. Per finire sono in lockdown gli abitanti di due paesi del salernitano: Laurino (fino all’11 giugno) e Piaggine (fino al 6 giugno), rispettivamente 1.500 e 1.200 abitanti. Anche in questi due casi nelle ultime settimane era stato registrato un pericoloso aumento dei contagi.

25944 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni