6 Luglio 2021
15:19

Presenza di Escherichia coli nel formaggio, taleggio Dop ritirato dai negozi: Non mangiatelo

Richiamo dagli scaffali di negozi e supermercati di una serie di lotti di formaggio taleggio Dop a causa di un rischio microbiologico per i consumatori dovuti alla possibile presenza del batterio Escherichia coli nel prodotto indicato. Si tratta in tutto di sei lotti di formaggio: il Ministero della salute avverte di “Non consumare il prodotto”
A cura di Antonio Palma

Il Ministero della salute ha annunciato l'immediato richiamo dagli scaffali di negozi e supermercati di una serie di lotti di formaggio taleggio Dop a causa di un rischio microbiologico per i consumatori dovuti alla possibile presenza del batterio Escherichia coli nel prodotto indicato. Nel dettaglio, il formaggio ritirato dal mercato è il "Taleggio DOP a latte crudo stagionato in Valtaleggio", venduto sia a marchio Pascoli del Fattore sia a marchio Casarrigoni. Si tratta in tutto di sei lotti di formaggio a denominazione di origine protetta, venduti in forme intere e prodotti dalla ditta Casarrigoni Srl nel proprio stabilimento di Via A. Arnoldi a Taleggio, in provincia di Bergamo.

Come spiega lo stesso avviso di richiamo pubblicato dal Ministero della Salute nell’apposita sezione del proprio sito web dedicata agli Avvisi di sicurezza e ai Richiami di prodotti alimentari da parte degli operatori, il ritiro riguarda forme intere di Taleggio dopo che a seguito di controlli è stata riscontrata la "presenza di STEC gene eae sg O103 in 25 g di prodotto” (Escherichia coli produttore di tossina shiga). I lotti del formaggio taleggio Dop richiamati sono i numeri  15145, 16145, 15148, 15151, 15152 e 16152 con date di scadenza 24/07/2021, 27/07/2021, 30/07/2021 e 31/07/2021.

Il formaggio indicato e invenduto è già stato ritirato dai negozi ma, come sempre in questi casi, l'avviso di richiamo del Ministero della salute avverte i consumatori che lo avessero già acquistato di "Non consumare il prodotto" con i lotti e le scadenze indicate. Naturalmente il consiglio è quello di riportarli al punto vendita dove è stato effettuato l’acquisto.

Cosa è l'Escherichia coli STEC

Come spiega Istituto Zooprofilattico del Lazio, l'Escherichia coli (E. coli) è un germe appartenente alla famiglia delle Enterobacteriaceae, famiglia che include un numero ampio di specie batteriche il cui habitat naturale è rappresentato dall’intestino dell’uomo e di altri animali. Alcuni ceppi di E. coli, definiti “produttori di Shiga-Tossina” o “verocitotossici” (STEC o VTEC), sono agenti zoonosici in grado di produrre tossine pericolose per la salute umana, inducendo una grave forma di diarrea emorragica. Inoltre, una possibile complicazione (5-10% dei casi) a seguito di una infezione da STEC, frequente sopratutto nei bambini, è la sindrome emolitica-uremica (SEU), malattia che si caratterizza per una grave insufficienza renale acuta (spesso è necessario ricorrere alla dialisi), oltre che da anemia e piastrinopenia (ridotto numero di piastrine) e che in alcuni casi (circa il 20%)si rivela fatale. Gli STEC possono appartenere a differenti sierotipi (ne esistono più di un centinaio), ma la gran parte dei casi di infezione riportati nell’uomo risultano causati da E. coli appartenenti a 5 sierotipi (O157, O26, O111, O103 e O145).

Gioca a nascondino durante la sagra, bimbo cade nella buca con braci ardenti: gravi ustioni agli arti
Gioca a nascondino durante la sagra, bimbo cade nella buca con braci ardenti: gravi ustioni agli arti
Rimini, scarcerato il giovane accusato di aver stuprato una 20enne all'uscita della discoteca
Rimini, scarcerato il giovane accusato di aver stuprato una 20enne all'uscita della discoteca
Almeno il 40% dei vertici aziendali dovrà essere donna, accordo sulla direttiva europea
Almeno il 40% dei vertici aziendali dovrà essere donna, accordo sulla direttiva europea
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni