6.536 CONDIVISIONI
Covid 19
18 Febbraio 2021
18:50

Pregliasco: “Le persone già contagiate dal Covid rischiano di essere reinfettate dalle varianti”

Fabrizio Pregliasco, virologo dell’Università di Milano, in diretta su YouTube con Fanpage.it: “Anche le persone già contagiate nei mesi scorsi rischiano molto probabilmente di essere re-infettate dalle varianti Covid. Dal punto di vista scientifico non sarebbe neanche una novità”.
A cura di Biagio Chiariello
6.536 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Questo virus non ce lo toglieremo "dalle scatole" in fretta. Molto dipenderà dalla velocità con la quale riusciremo a vaccinarci tutti. Anche le persone già contagiate nei mesi scorsi rischiano molto probabilmente di essere re-infettate dalle varianti Covid. Ne è convinto Fabrizio Pregliasco, virologo dell'Università di Milano, che ha fatto il punto della situazione vaccini nel nostro Paese intervenendo nel corso della diretta sul canale YouTube di Fanpage.it.

Il sistema a fasce in Italia è valido? Il fatto è che non esiste un manuale di gestione universalmente valido. Ogni Paese ne sta costruendo uno, ma tutti sono sulla stessa scia: evitare un lockdown duro e prolungato, spiega il virologo.

L'importanza del sequenziamento del genoma del Sars-Cov2. "Con la possibilità di fare i tamponi possiamo vedere le varie ‘stimmate' del virus, sono tante le mutazioni del virus in posti del tutto irrilevanti rispetto ai risultati funzionali – dice Pregliasco – quindi si possono fare alberi genealogici grazie al database informatico sul quale queste sequenze vengono riportate. Così è possibile capire il percorso dei vari focolai. In tal senso alcuni gruppi di ricerca stanno usando tamponi molecolari che possano dare una caratterizzazione di primo acchito alle varianti".

A proposito delle cure al Covid, si è parlato della spray testato in Israele. "Ci sono varie soluzioni, non chiudiamo a nessuna soluzioni. Tuttavia senza un utilizzo macroscopico, come fosse una moda. Ho sentito anche diversi colleghi, medici di famiglia, prescrivere il cortisone: non è una soluzione, ma anzi può essere un deterrente. L'uso precoce del cortisone può incidere sulla mortalità" dice Pregliasco.

6.536 CONDIVISIONI
28351 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni