Crollo ponte Morandi a Genova
7 Luglio 2022
16:37

Ponte Morandi, i familiari delle vittime: “Mole di atti processuali solida, speriamo in una condanna”

Si è tenuta oggi la prima udienza per il crollo del Ponte Morandi avvenuto il 14 agosto 2018 a Genova. La prossima convocazione è stata fissata per il 12 settembre. In aula anche il Comitato per il ricordo delle vittime. La portavoce Egle Possetti: “Speriamo in una condanna, ma alcune responsabilità morali non sono a processo”
A cura di Gabriella Mazzeo
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Crollo ponte Morandi a Genova

Si è tenuta nella mattina di oggi la prima udienza riguardante il processo per il crollo del Ponte Morandi avvenuto a Genova il 14 agosto di 4 anni fa. Sono 59 gli imputati alla sbarra, 178 i testimoni convocati e migliaia gli atti raccolti. Il procedimento per uno dei più grandi disastri della storia d'Italia vedrà una serie di udienze fissate da qui a un anno: la prossima sarà il 12 settembre.

Presenti in aula anche i membri del Comitato Ricordo Vittime.  "Siamo molto speranzosi anche se preoccupati – ha spiegato ai microfoni di Fanpage.it Egle Possetti, portavoce del Comitato -. La Procura ha fornito una mole di documenti molto solida. Speriamo che tutto possa andare per il meglio e che si riesca ad arrivare a una condanna definitiva".

Secondo Possetti, però, ci sono "responsabilità morali" che non sono materia di processo. "Per queste non avremo mai una condanna e quindi non possiamo parlare di giustizia completa, non può essere fatta. Speriamo però di riuscire a trarre il meglio da questo procedimento". Nonostante la brevità dell'udienza, i membri del Comitato Ricordo Vittima del Ponte Morandi si sono dichiarati soddisfatti.

"Questi giudici ci sono sembrati decisi e pronti. L'udienza è stata veloce, ma il collegio è determinato – ha raccontato Paola Vicini, mamma di una delle vittime -. Dobbiamo provare ad essere freddi e ascoltare quello che viene detto in aula, anche se le emozioni sono molto forti. Si è aperto un percorso lungo e difficoltoso, ma siamo ottimisti sugli esiti".

"L'impressione è stata positiva, il collegio è deciso e spedito e intende andare avanti senza perdersi in alibi – ha spiegato Giuseppe Matti Altadonna, padre di Luigi, una delle vittime del crollo -. Dopo che si sarà conclusa la parte relativa alle parti civili, si andrà subito al dibattimento. L'importante è arrivare alla verità".

"Speriamo che questo spirito combattivo resti fino alla fine della vicenda giudiziaria – ha dichiarato Gianluca Ardini, sopravvissuto alla strage -. È stato brutto rivivere quelle cose. Ho provato principalmente rabbia durante l'udienza"

La protesta dei giornalisti

Nello stesso contesto si è tenuta anche la protesta dei giornalisti liguri. Prima del processo i reporter hanno partecipato a un sit-in al tribunale di Genova. L'iniziativa è stata promossa da Assostampa, Ordine e Gruppo Cronisti Liguri. Alla base della mobilitazione, la decisione del presidente di collegio giudicante di consentire solo 10 minuti di immagini alla prima udienza, oscurando le successive. Si tratta, secondo i giornalisti liguri, di una grave violazione del diritto di cronaca. Al presidio hanno partecipato anche Usigrai e Cdr della Tgr Rai Liguria.

371 contenuti su questa storia
Ponte Morandi, Autostrade e Spea fuori dal processo sul crollo: non saranno responsabili civili
Ponte Morandi, Autostrade e Spea fuori dal processo sul crollo: non saranno responsabili civili
Ponte Morandi, rinviata di 24 ore l'udienza prevista per oggi per sciopero degli avvocati
Ponte Morandi, rinviata di 24 ore l'udienza prevista per oggi per sciopero degli avvocati
Ponte Morandi, il ricordo dei politici a 4 anni dal crollo:
Ponte Morandi, il ricordo dei politici a 4 anni dal crollo: "Tragedie che non devono più accadere"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni